Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’almanacco di Rock by Wild – 20 ottobre

5 Ricorrenze per il 20 ottobre

Nasceva Thomas Petty

(Gainesville, 20 ottobre 1950 – Santa Monica, 2 ottobre 2017)

Oggi si ricorda il compleanno di Thomas Earl Petty, noto come Tom Petty, chitarrista, cantante e compositore americano che non aveva nessuna aspirazione musicale finché Elvis Presley non visitò la sua città natale. Dopo aver fatto parte di alcune band come The Sundowners, The Epics, eMudcrutch, (di cui facevano parte i futuri membri degli Heartbreakers Mike Campbell e Benmont Tench), inizia la sua carriera discografica come Tom Petty & the Heartbreakers, quando la band irrompe nella scena musicale del 1976 con l’album omonimo di debutto. Dopo che nel 2000 esce un’altra antologia in doppio CD, nel 2002 esce “The Last DJ“, in cui parte dei testi esprimono una critica all’industria discografica, che a suo parere schiaccia la vera arte per cercare solo l’utile economico. La critica musicale non è tenera e giudica l’album il peggiore in assoluto della sua carriera, giudizio senz’altro severo, visto che il disco, benché distante dai picchi della sua produzione, resta un disco ascoltabile con qualche pezzo discreto. L’artista stesso si stupirà di come tutte le critiche siano rivolte ai testi senza nessun accenno alla qualità delle canzoni. Il 24 luglio 2006 esce “Highway Companion“, nuovo album solista dell’artista, l’album prodotto come l’album solista “Wildflower” del 1994 da Rick Rubin è il primo inciso per la American Recordings, etichetta del produttore stesso, che fa parte della Warner con la quale Tom Petty incide da più di dieci anni. Si tratta di un album certamente migliore da un punto di vista musicale rispetto al precedente anche se certi capolavori sembrano oramai irripetibili. Nella primavera del 2008 Tom Petty riunisce la sua prima band, i Mudcrutch, con cui non aveva mai inciso alcun disco e pubblica l’album “Mudcrutch“, che stilisticamente non si discosta troppo dalle sue recenti produzioni. Nel giugno 2010 pubblica, nuovamente con gli Heartbrakers, l’album “Mojo“, seguito nel luglio 2014 da “Hypnotic Eye“. Tom Petty muore il 2 ottobre 2017 in seguito a un arresto cardiaco.

Nasceva Phil Kennemore

(20 ottobre 1953, California, Stati Uniti- 7 gennaio 2011, Stanford, California, Stati Uniti)

Oggi si ricorda il compleanno di Phil Kennemore, bassista dei Y&T, (che sono stati di recente a Roma con un bellissimo concerto), dal primo album “Yesterday & Today” del 1976 fino all’ultimo “Facemelter” del 2010 prima della sua morte, avvenuta il 7 gennaio 2011 all’età di 57 anni, dopo una breve battaglia col cancro ai polmoni. Cosa importante da ricordare anche il forte contributo di Phil nel comporre la maggior parte di melodie nelle superbe canzoni della band.

Finivano i Lynyrd Skynyrd

(20 ottobre 1977, Gillsburg, Mississippi)

La leggenda dei Lynyrd Skynyrd subisce un durissimo colpo a causa di un incidente aereo, tre giorni dopo l’uscita dell’album “Street Survivors“.
Un volo charter che stava portando la band a Baton Rouge (Louisiana) per una data del tour, a causa di problemi di carburante, si schiantò in una palude a Gillsburg (Mississippi). L’impatto uccise sul colpo il chitarrista e cantante Steve Gaines, la corista Cassie Gaines, sorella di Steve, l’assistente all’organizzazione del tour Dean Kilpatrick, il pilota Walter McCreary e il co-pilota William Gray. Il cantante Ronnie Van Zant, sbalzato fuori dal velivolo, a causa della violenza dell’impatto con il terreno, morì poco dopo l’incidente a causa delle gravissime ferite riportate. Gli altri membri della band restarono feriti, anche in modo molto serio. Allen Collins subì la rottura di una vertebra cervicale, sia Collins che Leon Wilkeson rischiarono l’amputazione di un arto, Leon ebbe numerose lesioni interne e un polmone perforato. Gary Rossington si ruppe un piede ed un braccio, e rischiò di vedersi amputato quest’ultimo a causa di una paralisi, poi fortunatamente recuperata del tutto. Leslie Hawkins si ruppe il collo in tre punti ed ebbe il viso sfigurato da gravi lacerazioni.

Nasceva Mitch Lucker

(20 Ottobre 1984 – 1 Novembre 2012, Orange, California, Stati Uniti )

Oggi si ricorda il compleanno di Mitchell Adamo “Mitch” Lucker, cantante americano della deathcore metal band Suicide Silence. Lucker e il chitarrista Chris Garza formano i Suicide Silence nel 2002 e la band raggiunge il successo molto rapidamente. In origine, il gruppo aveva due vocalist, Tanner Womack e Lucker, tuttavia, quando Womack venne licenziato, Lucker divenne la voce solista.
L’album di debutto della band “The Cleansing” diventò uno dei più venduto della Century Media con 7.250 copie vendute nella prima settimana. Il loro secondo album “No Time to Bleed” è stato rilasciato il 30 giugno 2009. Invece l’ultimo album della band con Lucker, “The Black Crown” è stato rilasciato il 12 luglio 2011.
I gruppi che lo hanno influenzato furono Korn, Deftones, Slayer, Sepultura … e tutto ciò che il padre comprava e portare a casa per lui e suo fratello.
Lucker è cresciuto a Riverside, in California, con entrambi i suoi genitori ed i suoi fratelli. E ‘stato sposato con Jolie Carmadella e ha avuto una figlia di nome Kenadee. Era anche conosciuto per la sua ampia e vasta collezione di tatuaggi sul suo corpo che ricopriva braccia, torace, collo, mani, dita e anche il viso. L’unico posto che si è rifiutato di farsi tatuare era sulla schiena, spiegando così il motivo:

Mi piace vedere l’opera d’arte, perché è opera d’arte! Avere la schiena tatuata sarebbe come possedere un dipinto costoso che non si può mai vedere.

Il 1° novembre 2012 muore per le ferite riportate dopo un incidente motociclistico a Huntington Beach, California. Aveva 28 anni. La notte del 1° novembre, si è tenuta una fiaccolata in memoria di Lucker sul luogo dello schianto. Vi hanno partecipato 300-400 persone, tra tifosi, amici e familiari.
La moglie ha raccontato che Lucker era un alcolizzato, quel giorno ha cercato di fermarlo, era davanti a lui pregandolo di non uscire di casa, ma non le diede retta e questo è quello che è successo. Era un uomo straordinario, un padre meraviglioso e un grande marito.
I suoi compagni della band Suicide Silence hanno tenuto una manifestazione commemorativa dal titolo “Ending Is The Beginning” il 21 dicembre 2012, che ha avuto luogo presso il Teatro Fox a Pomona, CA. Serviva a beneficio dei costi di formazione futura di Kenadee, figlia di Lucker. La band ha anche avviato il Lucker Education Fund Kenadee e continua a promuovere le donazioni verso la figlia di Mitch.
Inoltre, Oliver Sykes, cantante dei Bring Me the Horizon, ha collaborato con il fotografo della band Adam Elmakias per raccogliere fondi per la figlia di Lucker. Tutti i fondi raccolti saranno destinati al suo fondo di istruzione. Questo fondo continua ancora oggi.

Esce “Crimson Glory

20 ottobre 1986: “Crimson Glory” è l’omonimo debut album della band americana pubblicato dalla Roadrunner Records. Eccelse armonizzazioni, potenti ballate e vocalizzi molto acuti e aggraziati sono i tratti principali di questa pubblicazione, che venne accolta bene dal panorama heavy contemporaneo. Quindi la band suonò anche in Olanda e in Germania riscuotendo grande successo e seguito.

Tracce

1 Valhalla
2 Dragon Lady
3 Heart Of Steel
4 Azrael
5 Mayday
6 Queen Of The Masquerade
7 Angels Of War
8 Lost Reflection

Formazione

Midnight – voce
Jeff Lords – Basso
Jon Drenning – Chitarra
Ben Jackson – Chitarra
Dana Burnell – batteria

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.