Al JourgensenNews 

Al Jourgensen (Ministry): contro i no-vax

Al Jourgensen, frontman dei Ministry, in una recente intervista rilasciata a RRBG Podcast ha espresso il suo parere circa i vaccini e i no-vax.

Di seguito il commento di Al Jourgensen:

“Ragazzi ma veramente? Sentite, anche se il governo ci sta iniettando un microchip e avremo tutti DNA alieno e tutto il resto, almeno andremo a fondo tutti insieme. Nel frattempo però non facciamoci ammalare a vicenda. Fatevi quel cazzo di vaccino. Io l’ho fatto da mesi. Farò anche un richiamo prima di andare in tour. Voglio assicurarmi di non infettare le persone e che le persone non infettino me. Non è efficace al cento per cento, come nulla in questo mondo o universo lo è, ma fatelo e basta, per favore, così potremo riavere le nostre vite, il nostro divertimento. Quello che mi fa incazzare è che i media mainstream e i social media danno voce a questi bambini che fanno i capricci e li mettono sullo stesso piano delle persone che fanno scienza e sanno di cosa stanno parlando”.

Al Jourgensen è noto per essere il frontman della band industrial metal Ministry, gruppo di cui è anche l’unico membro fisso. Al lavora come DJ, finché non decide di fondare i Ministry nel 1981. Precedentemente faceva parte degli Special Affect, band new wave/synth pop di cui faceva parte anche Frankie Nardiello, futuro fondatore dei My Life with the Thrill Kill Kult. I primi demo e singoli dei Ministry furono pubblicati dalla casa discografica Wax Trax! Records. In quel periodo collaborò anche con gli Skinny Puppy (l’album “Rabies” del 1989).
Al si sposa con Patty Marsh nel 1984. Durante tale relazione, terminata nel 1993, Al ebbe un figlio. Si risposò nel settembre 2002 con Angelina Lukacin. In quegli anni ebbe notevoli problemi causati da droghe (in particolare cocaina e eroina) e dall’alcol. Nel 2004 fondò l’etichetta 13th Planet Records, grazie alla quale ha pubblicato gli ultimi lavori della sua band.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.