Alan LancasterNews 

Status Quo: morto l’ex bassista Alan Lancaster

Alan Lancaster, ex bassista e cofondatore degli Status Quo, è morto all’età di 72 anni presso la sua abitazione in Australia dopo una lunga battaglia contro la sclerosi multipla. Lancaster ha suonato nella band dal 1962 al 1985 e nel 2013 e 2014.

Alan Lancaster coltivò sin da piccolo la sua passione musicale cominciando a suonare la tromba nell’orchestra jazz della Sedgehill Comprehensive School di Beckenham. Di quella orchestra faceva parte anche un altro allievo, Francis Rossi, un adolescente di origine italiana, con il quale strinse una forte amicizia formando nel 1962 una band inizialmente chiamata Scorpions, in seguito ribattezzata The Spectres. Con un repertorio basato essenzialmente sul genere beat imperversante in quel periodo, Lancaster si specializzò sempre più nello studio del basso elettrico e delle chitarre, mentre gli Spectres cominciavano a farsi conoscere grazie ad una intensa serie di concerti in giro per i pub di Londra. Assaporò il successo per la prima volta nel 1968, quando gli Status Quo (questo il nuovo nome degli Spectres) salirono ai vertici delle classifiche con il brano psichedelico “Pictures of Matchstick Men“. Alfiere del genere hard, ebbe un’importanza determinante nello sviluppo del nuovo sound della band negli anni settanta, grazie al quale gli Status Quo divennero una tra le rock band di maggior successo del panorama musicale britannico.
Cantante, autore ed esecutore di basso e chitarra, lasciò il gruppo nel 1984 a causa di insanabili divergenze sulla direzione musicale con il vecchio amico d’infanzia, Francis Rossi. L’ultima sua esibizione con gli Status Quo fu costituita dalla storica performance di apertura del Live Aid, il 13 luglio del 1985, allo stadio londinese di Wembley. All’inizio del 2012, dopo 31 anni di separazione, gli Status Quo si ritrovarono nella formazione originale, con il ritorno di Alan Lancaster e John Coghlan, per le riprese di un documentario intitolato ‘Hello Quo!‘, girato da Alan G. Parker, pubblicato nell’ottobre dello stesso anno.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.