Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’ almanacco di Rock by Wild – 14 settembre

5 Ricorrenze per il 14 settembre

Nasceva Steve Gaines

(Seneca, 14 settembre 1949 – Gillsburg, 20 ottobre 1977)

Oggi si ricorda il compleanno di Steven Earl Gaines, chitarrista statunitense componente dei Lynyrd Skynyrd.
Steve Gaines attraversò una carriera da solista alla fine degli anni ’70. Scrisse canzoni spesso dimenticate come “You Got That Right“, “I Know a Little, Alone in the Moltitudine” e “One in the Sun“. Con i Lynyrd Skynyrd partecipò a molti concerti ed eseguì svariate canzoni come “Sweet Home Alabama” in cui suonò diversi assolo; inoltre in “Free Bird” insieme ad Allen Collins eseguì un assolo di oltre 8 minuti. Il musicista usava una Gibson Les Paul Custom “black beauty” degli anni ’70 e una Fender Stratocaster American Standard.
Steve Gaines morì in un incidente aereo durante una tournée del gruppo musicale. Nell’impatto morirono anche Ronnie Van Zant, cantante storico della formazione, Cassie Gaines, corista e sorella di Steve, e Dean Kilpatrick, l’assistente all’organizzazione del tour, oltre a pilota e copilota; altri componenti del gruppo riportarono gravi lesioni a causa del disastro aereo.

Nasceva Paul Kossoff

(Hampstead, 14 settembre 1950 – Los Angeles, 19 marzo 1976)

Oggi è il compleanno di Paul Kossoff, chitarrista inglese, noto per esser stato membro fondatore e musicista dei Free.
Kossoff è stato classificato cinquantunesimo nella classifica The 100 Greatest Guitarists of All Time della rivista Rolling Stone.
Lo stile di Paul Kossoff è di chiara matrice blues dotato di grande feeling ed espressività, dimostrato da soli principalmente sviluppati sulla scala pentatonica minore e maggiore con un ampio uso del bending e del vibrato. Suonava principalmente chitarre Gibson Les Paul e dal vivo con 2 o più amplificatori: Testate Orange o Marshall, Cabinets Marshall. Possedeva inoltre una Fender Stratocaster nera del 1963, con manico in acero del 1957, che nel 1976 venne acquistata da Dave Murray, poi chitarrista degli Iron Maiden, che ne modificò i pickup. Nel 2012 la Gibson ha lanciato un modello Signature per il Custom Shop diGibson Les Paul in suo onore, ricalcante le caratteristiche della sua Gibson Les Paul Standard 59. Non usava nessun effetto a pedale di saturazione, ma sfruttava le sfumature ottenibili solo con i potenziometri di volume e tono.
Anche se il medico legale ha indicato la causa ufficiale della morte come edema cerebrale e polmonare, non c’è dubbio che i problemi di salute precedenti del giovane chitarrista legati all’uso di sostanze stupefacenti abbiano contribuito alla sua prematura scomparsa, sul volo che lo portava da Los Angeles a New York il 19 marzo 1976.

Esce “Maiden Japan

14 Settembre 1981: “Maiden Japan” è il terzo lavoro del gruppo britannico Iron Maiden, pubblicato dalla EMI. Si tratta di un EP live e l’ultimo registrato con il cantante Paul Di’Anno, il quale sarebbe stato sostituito da Bruce Dickinson. Le versioni pubblicate negli Stati Uniti, Canada e Nuova Zelanda contengono il brano “Wrathchild“, assente nelle varie edizioni europee.

Tracce

Lato A
1.Running Free – 2:48 (testo: Steve Harris, Paul Di’Anno)
2.Remember Tomorrow – 5:27 (testo: Steve Harris, Paul Di’Anno)
Lato B
1.Wrathchild – 2:52 (testo: Steve Harris) – presente solo nella versione pubblicata in Argentina, Australia, Brasile, Canada, Nuova Zelanda e Stati Uniti
2.Killers – 4:39 (testo: Steve Harris, Paul Di’Anno)
3.Innocent Exile – 3:44 (testo: Steve Harris)

Formazione

Paul Di’Anno – voce
Dave Murray – chitarra
Adrian Smith – chitarra, cori
Steve Harris – basso, cori
Clive Burr – batteria

Nasceva Amy Winehouse

(Londra, 14 settembre 1983 – Londra, 23 luglio 2011)

Si ricorda oggi il compleanno di Amy Jade Winehouse, cantautrice, stilista, produttrice discografica e chitarrista britannica.
Ha esordito nel mondo della musica pubblicando, nel 2003, per l’etichetta discografica Island, l’album “Frank“, che riscuote un buon successo di pubblico e critica. Il vero successo arriva nel 2007 con l’uscita del secondo album “Back to Black” che, trainato da singoli come “Rehab“, “Love Is a Losing Game” e l’omonima traccia “Back to Black“, ha scalato le classifiche mondiali ottenendo un successo che l’ha portata alla vittoria di cinque Grammy Awards. Intanto, l’artista ha fatto spesso parlare di sé per gravi problemi legati a droga, alcol e disordini alimentari che l’hanno portata a ritardare la realizzazione del suo terzo album fino alla prematura morte, avvenuta nella sua casa, a Londra. Assieme a Duffy e Adele, era considerata una delle esponenti della nuova generazione del soul bianco, della quale è ritenuta la precorritrice.

Esce “War of Words

14 Settembre 1993: “War of Words” è l’album d’esordio in studio della band heavy metal inglese-americana Fight, pubblicato dalla Epic Records. Questa è la prima volta che Rob Halford registra un album dopo la sua uscita dai Judas Priest nel 1992. Ha portato con sé il batterista Scott Travis dalla band e ha reclutato tre nuovi membri. La musica è una miscela tra il suono heavy metal creato dei Judas Priest e un suono thrash/groove simile a quello dei Pantera. A Halford è anche attribuito il ruolo di chitarra, ma solo le voci registrate per l’album.

Tracce

1.”Into the Pit” 4:13
2.”Nailed to the Gun” 3:38
3.”Life in Black” 4:34
4.”Immortal Sin” 4:39
5.”War of Words” 4:29
6.”Laid to Rest” 4:40
7.”For All Eternity” 4:42
8.”Little Crazy” 3:49
9.”Contortion” 4:35
10.”Kill It” 3:30
11.”Vicious” 3:11
12.”Reality, a New Beginning”

Formazione

Fight
Rob Halford – vocals
Brian Tilse – guitars
Russ Parrish – guitars
Jay Jay – bass
Scott Travis – drums

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.