Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’ almanacco di Rock by Wild – 15 giugno

7 Ricorrenze per il 15 giugno

Nasceva Demis Roussos

(Alessandria d’Egitto, 15 giugno 1946 – Atene, 25 gennaio 2015)

Oggi si ricorda il compleanno di Artemios Ventouris “Demis” Roussos, (in greco Αρτέμιος Bεντούρης Pούσσος), cantante e bassista greco. Demis Roussos ha saputo esprimere il passato ellenico e la bellezza delle terre in cui ha vissuto attraverso un canto poetico e soave, prestato a generi diversissimi, dal rock progressivo, alla disco music, alle tante varianti del pop. Come bassista ha uno stile che ricorda le sonorità e la tecnica di Paul McCartney e di Brian Wilson. Nato in Egitto da genitori di origini greche, tornò nel paese di origine dopo la perdita di tutti gli averi familiari, in seguito alla Crisi di Suez del 1956.
In gioventù aveva appreso il solfeggio e aveva imparato a suonare la chitarra e la tromba, divenendo inoltre cantante solista nel coro della chiesa bizantina di Alessandria d’Egitto.
In Grecia entra in diversi gruppi musicali (The Idols, Minis, We Five e soprattutto Aphrodite’s Child), prima di iniziare la carriera da solista.
Il gruppo degli Aphrodite’s Child, del quale ha fatto parte dalla loro origine fino allo scioglimento, ha prodotto singoli di successo planetario come “It’s Five O’clock“, “Rain And Tears“, “Spring, Summer, Winter And Fall“, “I Want To Live“, etc, e un album, “666“, considerato dal pubblico e dalla critica come un capolavoro.
Un suo grande successo è stato “Race to the End“, adattamento vocale del tema portante della colonna sonora di Momenti di Gloria (Chariots of Fire). La sua carriera solistica ha toccato l’apice negli anni settanta: vinse il Festivalbar 1971 con “We Shall Dance” che arriva quarta in Austria. Il singolo “Forever and Ever” fu primo nelle classifiche di molti Paesi, (anche nella UK Singles Chart con l’Extended play “The Roussos Phenomenon” nel 1976), secondo nei Paesi Bassi e quarto in Austria nel 1973. Altri successi furono “My Friend the Wind” prima nei Paesi Bassi per due settimane e settima in Germania nel 1973, “My Reason” prima nei Paesi Bassi per tre settimane nel 1972, “Lovely Lady of Arcadia” che nella versione “Schönes Mädchen aus Arcadia” arriva prima per tre settimane nei Paesi Bassi, seconda in Svizzera, sesta in Germania e settima in Austria nel 1973 e “Goodbye My Love, Goodbye” prima in Svizzera per 12 settimane ed in Germania, seconda in Austria e terza in Norvegia.
Fu tra i passeggeri del volo TWA 847, dirottato il 14 giugno del 1985. Percependo una svolta nella sua vita, Demis Roussos si imbarcò in un’operazione di rilancio della sua immagine con l’LP “Time“, che riscosse un discreto successo e con il singolo da discoteca “Dance of Love“. Nel 1988 il singolo “Quand Je T’Aime” arriva terzo in Francia e nel 1990 “On écrit Sur Les Murs” quarto in Francia.
Demis Roussos ha continuato a registrare e ad esibirsi dal vivo fino a poco prima della sua scomparsa. Nella primavera del 2002 fece un tour del Regno Unito. Nello stesso anno ha duettato con Ivana Spagna nel brano “Tears of Love“, inserito nell’album della cantante “Woman“.
Il 19 settembre 2008 è stato tra gli ospiti della trasmissione della RAI I migliori anni ed ha ringraziato il pubblico italiano perché proprio in Italia iniziò con successo la sua carriera come solista. Grande ritorno a I migliori anni nella serata del 31 ottobre ed in quella finale del 5 dicembre 2008; nelle edizioni successive è riapparso nelle puntate del 5 novembre e del 17 dicembre 2010: in quest’ultima ha riproposto il suo grande successo “Forever and Ever“.
Il cantante che era malato da tempo muore in una clinica di Atene il 25 gennaio 2015 all’età di 68 anni.

Nasce Noddy Holder

(Walsall, 15 giugno 1946)

Oggi è il compleanno di Noddy Holder, cantante, chitarrista inglese e leader degli Slade, è considerato una delle voci più interessanti del panorama rock degli anni settanta. Insieme al bassista, violinista e chitarrista Jim Lea, era l’autore della maggior parte dei brani della band.
Molto probabilmente è proprio la sua voce a dare al gruppo una originalità e una forza trainante che non aveva precedenti nei gruppi cosiddetti minori di quel periodo. La sua notevole capacità compositiva, unita a quella del bassista Lea, è uno dei fattori decisivi per il successo della band. Holder firma con Lea tutte le canzoni e le innumerevoli hit del gruppo, che rimane secondo solo ai Beatles per 45 giri piazzati nella classifica inglese.
Figlio di un lavavetri, superò l’Eleven plus exam e frequentò una grammar school per un anno prima della sua chiusura. In seguito frequentò la nuova T. P. Riley Comprehensive School e superò 6 esami GCE O-level. A tredici anni aveva formato un gruppo musicale di nome The Rockin’ Phantoms con alcuni compagni di scuola. Con i soldi guadagnati grazie ai primi lavori comperò una chitarra Höfner e un amplificatore. Con Steve Brett & the Mavericks iniziò la carriera di musicista professionista. La band realizzò quattro singoli per la Columbia Records.
Fu convinto dal batterista Don Powell ad entrare a far parte dei The N’Betweens, di cui facevano già parte Dave Hill e Jim Lea. I quattro avrebbero cambiato nome in Slade.
La collaborazione tra Lea e Holder, che era il frontman del gruppo, condusse gli Slade verso il successo. Il singolo più noto resta “Merry Xmas Everybody“, registrato nel 1973 e divenuto il sesto singolo della band a raggiungere la vetta della UK Singles Chart, il terzo degli Slade ad entrare in classifica direttamente al primo posto. Nel Regno Unito il brano, ancora molto popolare, ha venduto svariati milioni di copie.
Il gruppo si scioglie definitivamente nel 1987 e successivamente Holder diventa un personaggio di rilievo nella radio e televisione inglese.
Sposato con la produttrice televisiva Suzan Price dal 7 aprile 2004, ha un figlio, Django, nato nel gennaio 1995. Dal precedente matrimonio con Leandra, Holder ha avuto due figlie, Jessica e Charisse.

Nasceva Craig Gruber

(Cortland, Stato di New York, Stati Uniti 15 giugno 1951 – Florida, Stati Uniti 5 maggio 2015)

Oggi si ricorda il compleanno di Craig Gruber, bassista americano che si unisce agli Elf nel 1972 per sostituire al basso Ronnie James Dio, che da quel momento in avanti avrà solo il ruolo di cantante. Nell’agosto del 1974 viene reclutato da Ritchie Blackmore per formare i Rainbow. Dopo le registrazioni del primo album, nel maggio dell’anno successivo, venne respinto da Blackmore. Nel 1979 sostituisce per un breve periodo Geezer Butler nei Black Sabbath, poco prima dell’uscita di “Heaven and Hell“. Nel 1983 si unisce alla band di Gary Moore e incide “We Want Moore!“.
È deceduto il 5 maggio 2015 all’età di 63 anni per l’esito di un carcinoma della prostata.

Nasce Bernie Shaw

(Vancouver, 15 giugno 1956)

Oggi compie gli anni Bernie Shaw, cantante canadese. È famoso per essere la voce degli Uriah Heep. Inizia nei primi anni settanta la sua carriera di musicista come chitarrista, ma presto la abbandona in favore di quella di cantante. Dopo aver militato in varie band, nel 1980 incide il suo primo disco con un gruppo chiamato Grand Prix. Nella band militava anche il futuro Heep, Phil Lanzon.
Successivamente lavora con la band del batterista Clive Burr, che, dopo vari cambi di nome, incide nel 1984 il suo unico album. La band si chiamava Stratus. In un concerto proprio con gli Stratus, Shaw viene notato dal chitarrista degli Huriah Heep, Mick Box, che era alla ricerca di un cantante. Nel settembre del 1986 entra così a far parte della band nella quale milita tuttora.

Nasce Brad Gillis

( Honolulu, Hawaii, Stati Uniti 15 giugno 1957)

Oggi festeggia il compleanno Brad Gillis, chitarrista statunitense, famoso per essere membro dei Night Ranger, oltre ad aver militato nella band di Ozzy Osbourne registrando il live album “Speak of The Devil” del 1982 e in quella della cantante Fiona nell’album “Heart Like A Gun” del 1989. Ha anche suonato nei Rubicon, con l’omonimo album del 1978 e “America Dream” del 1979. Ha anche collaborato con i Vicious Rumors in “Warball” del 2006 e con altri artisti di fama internazionale.

Nasce Scott Rockenfield

(Seattle, Washington, Stati Uniti 15 giugno 1963)

Oggi festeggia il compleanno anche di Scott Rockenfield, famoso batterista americano dei Queensrÿche che ha fondato nel 1982, e anche dell’hard rock band Slave to the System.
Rockenfield è nato e cresciuto a Seattle, Washington. Ha iniziato a suonare all’età di 11 anni. A Natale i suoi genitori gli regalano un drum kit a buon mercato. Diventò compagno di classe di Chris DeGarmo, che sarebbe poi diventato il chitarrista della sua band.
Dopo aver incontrato il chitarrista Michael Wilton, forma con lui la band Cross+Fire nel 1980, il gruppo suonava cover di popolari gruppi heavy metal come gli Iron Maiden e i Judas Priest. Dopo poco entrarono a far parte della formazione dei Cross+Fire il chitarrista Chris DeGarmo ed il bassista Eddie Jackson, e la band cambiò nome in The Mob. I The Mob, che non avevano un cantante, reclutarono Geoff Tate per cantare con loro in un rock festival locale. Su consiglio del loro nuovo manager, i The Mob cambiarono il loro nome in Queensrÿche, chiaramente ispirato al titolo del primo pezzo del loro demo, “Queen of the Reich“.

Esce “Killers

15 giugno 1982: “Killers” è una raccolta di brani del gruppo hard rock dei Kiss. All’interno di questa raccolta sono stati anche inseriti alcuni brani inediti scritti in collaborazione con alcuni musicisti che in precedenza avevano collaborato negli album solisti del 1978 (Mikel Japp), o consigliati al gruppo dal produttore Michael James Jackson, come Adam Mitchell o Bryan Adams.
Ace Frehley, pur comparendo nella copertina, non ha suonato in nessuna traccia inedita: il suo posto è stato preso da Bob Kulick a cui sarà concesso di poter suonare secondo il suo stile.
La produzione decise di pubblicare l’album al di fuori degli Stati Uniti a causa della presenza in patria di altri album live e di altre raccolte. L’album riscuoterà un modesto successo raggiungendo il posto più alto in Norvegia (sesto posto), mentre i singoli estratti dall’album non riuscirono ad entrare in classifica.

Tracce

“I’m a Legend Tonight” (Adam Mitchell, Paul Stanley) – 3:59
“Down on Your Knees” (Paul Stanley, Mikel Japp, Bryan Adams) – 3:31
“Cold Gin” (Ace Frehley) – 4:20
“Love Gun” (Stanley) – 3:17
“Shout It Out Loud (Remix)” (Gene Simmons, Paul Stanley, Bob Ezrin) – 2:40
“Sure Know Something” (Paul Stanley, Vini Poncia) – 3:59
“Nowhere to Run” (Paul Stanley) – 4:32
“Partners in Crime” (Paul Stanley, Adam Mitchell) – 3:45
“Detroit Rock City” (Paul Stanley, Bob Ezrin) – 3:53
“God of Thunder” (Paul Stanley) – 4:11
“I Was Made for Lovin’ You” (Paul Stanley, Vini Poncia, Desmond Child) – 4:18
“Rock and Roll All Nite (Live)” (Paul Stanley, Gene Simmons) – 3:58

Formazione

Paul Stanley: voce principale, voce secondaria, chitarra ritmica e acustica, basso
Gene Simmons: voce principale, voce secondaria, basso
Eric Carr: voce secondaria, batteria
Altri musicisti
Bob Kulick: chitarra solista nelle tracce inedite
Ace Frehley: chitarra solista, voce secondaria
Peter Criss: batteria, voce secondaria

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.