Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’almanacco di Rock by Wild – 16 febbraio

2 Ricorrenze per il 16 febbraio

Nasce Pete Willis

(Sheffield, 16 febbraio 1960)

Oggi festeggia il compleanno di Peter Andrew Willis detto Pete, ex chitarrista dei Def Leppard. Fin da piccolo era un grande fan di Jimi Hendrix e col passare del tempo affinò sempre di più il suo stile con la chitarra. All’inizio della sua carriera, ancora molto giovane, creò una band chiamata Atomic Mass con Nicholas Mackley, Rick Savage, Paul Hampshire, e Tony Kenning.
Mackley e Hampshire vennero poi sostituiti rispettivamente da Paul Holland e Andy Nickolas. Nel 1977 Pete incontrò Joe Elliott, gli fece fare un’audizione ed egli entrò a far parte della band.
Questo fu il primo nucleo della band poi conosciuta sotto il nome di Def Leppard. Pete Willis venne poi espulso dalla band nel 1982 durante la registrazione dell’album “Pyromania” (in seguito a dei problemi di alcol) e venne sostituito da Phil Collen. Dopo l’uscita dai Def Leppard, ha fatto parte delle band Gogmagog e Roadhouse.

Nasce Dave Lombardo

(L’Avana, 16 febbraio 1965)

Compie gli anni oggi David Lombardo, noto per essere stato il batterista degli Slayer dal 1981 al 1992 per poi rifarne parte dal 2002 al 2013. È inoltre un turnista che collabora con vari gruppi, tra cui Grip Inc. e Fantômas. Lombardo inizia la pratica musicale, da autodidatta, suonando le percussioni durante le manifestazioni scolastiche e all’età di 12 anni comincia a suonare la batteria ispirato dalla musica dei Kiss e dei Led Zeppelin, coi relativi batteristi Peter Criss e John Bonham come punti di riferimento. Presto forma il suo primo gruppo, gli Escape, con cui suona brani di Led Zeppelin, AC/DC e Black Sabbath. Nel 1981 entrò nei Sabotage, gruppo che lo portò ad incontrare il chitarrista Kerry King, il quale lo invitò ad entrare nel gruppo da lui fondato, gli Slayer. Lombardo uscì dal gruppo dopo la pubblicazione del terzo album in studio “Reign in Blood” (1986) a causa dei rapporti discordanti con gli altri membri del gruppo; tuttavia dopo qualche mese rientrò nel gruppo e insieme pubblicarono “South of Heaven” (1988) e “Seasons in the Abyss” (1990). Nel 1992, in seguito alla conclusione del “Clash of the Titans tour” con Megadeth, Testament e Suicidal Tendencies, abbandonò nuovamente il gruppo per dedicarsi alla famiglia dopo la nascita del primo figlio. Dal 1992 al 2001, periodo in cui viene sostituito nel gruppo da Paul Bostaph e da Jon Dette, Lombardo partecipò come turnista in diversi gruppi, come Testament, Apocalyptica, Voodoocult, e fondò i Grip Inc., gruppo groove metal di buon successo. La sua popolarità crebbe anche negli ambienti estranei all’heavy metal, registrando due album con il polistrumentista jazz John Zorn e collaborando con il conduttore d’orchestra italiano Lorenzo Arruga nell’album “Vivaldi: The Meeting” (disco che propone un genere di musica barocca accompagnato da ritmi rock). Altra nota collaborazione è quella con il gruppo avantgarde metal Fantômas, progetto dell’ex cantante dei Faith No More, Mike Patton. Nel 1999 ottenne anche una piccola parte nel film “Cremaster 2” di Matthew Barney. Nel 2004 fece qualche apparizione dal vivo con i Metallica in alcuni brani in sostituzione di Lars Ulrich, assente per problemi di salute, mentre nel 2007 comparve nell’album “Worlds Collide” degli Apocalyptica come ospite nel brano “Last Hope“. Verso la fine del 2001 Paul Bostaph subì una lesione cronica al gomito che ostacolò la sua abilità nel suonare la batteria, portandolo alla decisione di lasciare gli Slayer. Senza un batterista con il quale concludere il “God Hates Us All Tour“, Kerry King decise di contattare Lombardo, chiedendogli se sarebbe stato disposto a suonare per gli ultimi concerti del tour. Lombardo accettò l’offerta e suonò per i 21 concerti rimasti; tuttavia dichiarò di non mantenere una posizione fissa nel gruppo. Lombardo espresse inoltre contrasti con il management del gruppo, così come racconta nell’intervista a Rome by Wild, cosa che lo portò a fondare un suo progetto: i Philm. Già dal primo album degli Slayer, “Show No Mercy” del 1983, Lombardo sfoggia uno stile potente, preciso e veloce, nonostante allora non facesse ancora uso della doppia cassa (adottata dall’EP “Haunting the Chapel“), mettendo in evidenza una rilevante abilità nell’uso del pedale singolo. Con l’album “Hell Awaits” del 1985, il suo stile diviene ancora più aggressivo, sfoggiando maggiore velocità e pattern ancora più tecnici. Dall’album successivo, “Reign in Blood” del 1986, dimostra alta precisione cronometrica e una chiara pulizia sonora. Nell’album “Seasons in the Abyss” del 1990, Lombardo mette da parte la velocità per dare maggior spazio alla tecnica. Durante gli anni novanta e duemila, accumula una serie di esperienze al di fuori dell’ambiente heavy metal, tali che lo portano a maturare il suo stile, rendendolo più creativo e variegato, dove le ritmiche velocissime con la doppia cassa vengono accorpate a groove più tecnici e coloriti. In tempi recenti ha riscoperto anche l’interesse per le percussioni, che abbandonò in giovane età.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.