Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’ almanacco di Rock by Wild – 17 agosto

5 Ricorrenze per il 17 agosto

Nasceva John Hashian

(Boston, 17 agosto 1949 – Oceano Atlantico, 22 marzo 2017)

In questo giorno nasceva il batterista statunitense Sib Hashian, nome d’arte di John Hashian, famoso per essere stato il batterista dei Boston.
Rimpiazzò Jim Masdea dopo che il gruppo ottenne il contratto con la Epic Records, per volere di quest’ultima. Successivamente lavorò con Barry Goudreau, poi si dedicò ad altri progetti al di fuori della musica. È scomparso nel 2017 all’età di 67 anni, a causa di un malore occorsogli durante una crociera.

Nasce Gilby Clarke

(Cleveland, 17 agosto 1962)

Compie gli anni il chitarrista e cantante statunitense Gilbert “Gilby” Clarke. All’inizio degli anni ’80, Gilby faceva parte di un gruppo chiamato Candy che produssero un album prima che Gilby li lasciasse per entrare a far parte di un gruppo di sleaze metal dal taglio più cantautorale che lo rese più noto, i Kill for Thrills. Inizialmente partiti come un trio composto da Todd Muscat al basso (fratello di Brent Muscat dei Faster Pussycat) ed il batterista David Scott, arruolarono poi il chitarrista Jason Nesmith (figlio del membro dei The Monkees Mike Nesmith) dopo averlo sentito suonare “The Rain Song” durante le audizioni. Dopo aver debuttato nel 1989 con il mini-album “Commercial Suicide” per la World of Hurt Records, la band firmò un contratto per la MCA Records con cui un anno dopo pubblicarono il loro primo full-lenghtDynamite from Nightmareland” prodotto da Ric Browde (Poison, Ted Nugent, Joan Jett, Faster Pussycat). Partecipò come voce aggiuntiva all’album anche l’ex-vocalist dei Candy Kyle Vincent. I Kill for Thrills annunciarono presto lo scioglimento nel 1991, quando Clarke fondò un nuovo progetto di breve vita chiamato Blackouts. Dopo questa esperienza è entrato nei Guns N’ Roses, nel 1991 sostituendo l’uscente chitarrista Izzy Stradlin, salvo essere sostituito dallo stesso Stradlin per alcune date dello Use Your Illusion Tour nel 1993 a causa di un infortunio. Tuttavia non ebbe vita facile nel gruppo di Axl Rose in quanto non fu mai accettato dai fan avendo preso il posto dell’amato Izzy. da molti visto come il vero cuore e mente del gruppo. Nel 1994 fu rimpiazzato da Paul Tobias, anche conosciuto come Paul Huge, amico d’infanzia di Axl Rose, leader storico del gruppo.

Nasce Deen Castronovo

(Westminster, 17 agosto 1964)

Oggi compie gli anni Deen Castronovo, batterista statunitense di genere heavy metal, nonché un session man molto attivo e richiesto. I suoi nonni paterni erano di origini italiane, provenivano da Bagheria, in provincia di Palermo. Impugna le bacchette per la prima volta all’età di 5 anni ed i suoi primi punti di riferimento musicali sono Peter Criss, Tommy Aldridge, Bill Ward e Neil Peart. Grazie all’incoraggiamento, ed al grande supporto dei genitori (in particolare della madre), Deen, a soli 16 anni, entra a far parte dei The Enemy e fa da spalla in tour ad un gruppo già affermato, i Blue Öyster Cult.
Il gruppo inizia ad acquistare notorietà e viene notato da Matt McCourt che, rimasto affascinato dallo stile musicale di Castronovo, gli propone di entrare nella sua band in fase di formazione. Nacquero così, nel 1983, i Wild Dogs, primo vero gruppo del batterista californiano. Il gruppo incide tre dischi, (più un album da solista di McCourtDr. Mastermind“), dopo di che la band si scioglie.
Siamo a metà degli anni ottanta, in quel periodo (1987), e Deen viene ingaggiato da Tony MacAlpine, chitarrista e virtuoso di tastiere e pianoforte, per incidere “Maximum Security“, (nel 1994 pubblicheranno assieme anche “Premonition“).
Nel 1988 Castronovo viene reclutato da due chitarristi che lavoravano in coppia nella band Cacophony, sono Marty Friedman e Jason Becker, incidendo solamente il disco “Go Off!“. Friedman lo vorrà con sé anche nel suo album solista: “Dragon’s Kiss” (1988).
Sul finire degli anni ottanta, tramite Tony MacAlpine, Deen conosce il chitarrista Neal Schon ed entra a far parte dei Bad English. Lo stile della band, essendo un Hard rock/AOR commerciale, pone dei limiti alla sua grande tecnica, (specialmente con la doppia cassa). Vengono pubblicati solo due album (l’omonimo “Bad English” e “Backlash“) dopo di che la band si scioglie.
Nel 1990 pubblica il suo video-metodo di batteria High Performance Drumming dove illustra il suo stile e spiega alcuni esercizi specifici per lo sviluppo tecnico della doppia cassa. Nello stesso anno partecipa alla lavorazione di “Infra-Blue” di Joey Tafolla, un album di guitar shreed che mescola heavy metal e blues, funk e fusion. Quest’album mostra un nuovo aspetto dello stile di Castronovo: meno presenza di doppia cassa e più spazio alle dinamiche.
Sul finire del 1994 arriva l’offerta dal chitarrista virtuoso per eccellenza Steve Vai. Con Vai pubblica ben 5 album, (tra cui spicca “Alien Love Secrets“, uno dei più importanti della discografia del chitarrista). È un periodo molto prolifico per Castronovo, che viene anche contattato anche da James Murphy, (ex chitarrista di Death, Disincarnate, Obituary e altri gruppi), per l’incisione di “Convergence” (1996) e “Feeding The Machine” (1999).
Sempre in questo periodo, Deen realizzò uno dei suoi sogni nel cassetto. Venne infatti chiamato da Ozzy Osbourne, suo mito da quando era ragazzino, e viene dato alle stampe “Ozzmosis” nel 1995. Ma questa esperienza non durò molto. Dopo un solo mese di tour Ozzy decide di licenziarlo, (anche se in realtà il tutto venne deciso dalla moglie Sharon, il vero manager del gruppo), reputandolo un buon batterista in studio, ma mediocre dal vivo. Per Deen fu un duro colpo, ma, allo stesso tempo, ne uscì contento. Dopo di che viene chiamato da Vasco Rossi. In un primo momento il batterista non era intenzionato ad accettare, convincendosi però in un secondo tempo. Con il “Blasco” intraprende il Nessun pericolo…per te tour ed è per lui un’esperienza indimenticabile. Ha anche l’opportunità di conoscere i chitarristi di Vasco , Nando Bonini, con il quale registra il cd “TATANAAKOO” nel 1996 e Stef Burns, con il quale inciderà “Swamp Tea” (1999)
L’attività di Castronovo continua senza interruzioni con collaborazioni del calibro di George Bellas, Ted Nugent, Hardline, Paul Rodgers, Geezer Butler ed altri. Più di recente, mentre era impegnato con i Journey, assieme a Neal Schon, viene arrestato per abuso sessuale.

Nasce Tarja Turunen

(Kitee, 17 agosto 1977)

Festeggia il compleanno Tarja Soile Susanna Turunen Cabuli, cantautrice finlandese, ex voce della band Nightwish. Il suo profilo vocale è quello del soprano e ha un’estensione vocale di tre ottave. Descrive se stessa come un soprano lirico. Fin da piccola mostra un grande talento musicale ed i suoi genitori incoraggiano e supportano la sua passione per la musica, permettendole di frequentare lezioni di piano e di canto corale. La sua prima insegnante di piano è Kirsti Holopainen, madre di Tuomas Holopainen, con cui in seguito inizierà la sua carriera musicale. Oltre alle lezioni di piano inizia a suonare il flauto traverso ed impara le basi di chitarra e batteria, senza però approfondire gli studi. All’età di 13 anni focalizza il suo interesse sul canto, senza però prediligere nessun genere. Nel 1996, diventa una dei membri fondatori dei Nightwish, quando il suo compagno di scuola, nonché figlio della sua insegnante di pianoforte, Tuomas Holopainen la invita a unirsi al suo nuovo progetto musicale come cantante. Nel 1997 viene pubblicato il primo disco dei Nightwish, “Angels Fall First“. Il 21 ottobre 2005, data dell’ultimo concerto del tour di “Once“, gli altri membri dei Nightwish scrivono una lettera aperta a Tarja, dove si parla di un cambiamento di atteggiamenti e un eccessivo interesse per il denaro, prendendo la decisione di farle lasciare il gruppo. Tarja risponde sia in finlandese, sia in inglese, tramite un’altra lettera sul suo sito ufficiale. L’attività solista inizia nel dicembre 2005 e agli inizi del 2006, Tarja fa diversi concerti in Finlandia, Germania, Spagna e Romania.

Esce “W.A.S.P.

17 agosto 1984: “W.A.S.P.” è il primo, omonimo, album della heavy metal band W.A.S.P., uscito per l’Etichetta discografica Capitol Records.
L’album è il risultato della registrazione definitiva dei brani apparsi sui vari demo pubblicati dalla band nei due anni precedenti, con l’aggiunta di “L.O.V.E. Machine, (già suonata da Lawless ai tempi dei Circus Circus), ma privato dei brani “Animal (Fuck Like a Beast)” e “Show No Mercy” che però già spopolavano dal vivo. Pubblicato inizialmente con il titolo “Winged Assassins“, l’album è stato riedito come W.A.S.P. dopo qualche mese e raggiunse in breve la cifra di 500.000 copie vendute. Tutti i brani dell’album sono stati composti dal chitarrista/bassista/cantante Blackie Lawless ad eccezione di “Tormentor“, scritto in coppia col chitarrista Chris Holmes, e “The Flame“, scritto da Lawless, Holmes e J.Marquez.
L’album si apre con “I Wanna Be Somebody“, uno dei brani più veloci del disco ed una forte rappresentazione lirica di ogni adolescente che vuole fuggire dalla dura realtà.
L.O.V.E. Machine” è meno sostenuta, ma è il brano dove la voce di Lawless brilla di più con la sua tecnica potente che raccoglie in un unico acuto tutti gli sforzi.
B.A.D.” è un altro brano aggressivo, dove emerge la figura di Chris Holmes che ci regala uno dei suoi migliori assoli mai eseguiti.
Il brano “School Daze” è stato interpretato come un adattamento di “School Out” di Alice Cooper, massima fonte di ispirazione per Lawless ed è un brano piuttosto commerciale che, pubblicato come singolo, è stato eclissato dalla sua b-side, il brano “Paint it Black” cover dei Rolling Stones.
La seconda parte del disco si apre con “Hellion“, un altro brano veloce dal testo eloquente che parla di decadenza, di droga e del diavolo.
Sleeping (In The Fire)” si discosta dall’andamento selvaggio dell’album, presentandosi come una semi-ballata dalla voce melodica e dall’alternarsi di una parte blues e di un’acustica. Si tratta di uno dei brani più famosi dell’album, sempre eseguito dal vivo, (anche in versioni interamente acustiche).
Tormentor” è un brano poderoso con riffs elaborati.
On Your Knees” mantiene veloce il ritmo dall’inizio ed è inesorabile fino alla fine, così come “The Torture Never Stops” che termina con una nota alta dopo un riff accattivante.
Show No Mercy“, b-side di “Animal (Fuck Like a Beast)“, è un brano particolarmente aggressivo con testi sulla ribellione.

Tracce

1 I Wanna Be Somebody – 3:43
2 L.O.V.E. Machine – 3:51
3 The Flame – 3:41
4 B.A.D. – 3:56
5 School Daze – 3:35
6 Hellion – 3:39
7 Sleeping (In the Fire) – 3:55
8 On Your Knees – 3:48
9 Tormentor – 4:10
10 The Torture Never Stops – 3:56

Formazione

Blackie Lawless – voce / Basso
Randy Piper – Chitarra
Chris Holmes – Chitarra
Tony Richards – batteria

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.