Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’almanacco di Rock by Wild – 19 febbraio

6 Ricorrenze per il 19 febbraio

Nasce Tony Iommi

(Birmingham, 19 febbraio 1948)

Oggi compie gli anni Frank Anthony Iommi, meglio noto come Tony Iommi, chitarrista, fondatore e leader dei Black Sabbath e unico componente fisso nell’arco della loro carriera. Figura di spicco dell’heavy metal, è stato menzionato da numerosi chitarristi come notevole ispirazione nelle proprie composizioni. Oltre alla chitarra, Iommi suona anche il pianoforte, il sintetizzatore e il flauto. Di origini italiane Tony, iniziò a suonare la chitarra ascoltando prevalentemente jazz e blues. Crebbe con la musica degli Shadows, il cui chitarrista, Hank Marvin, fu un suo modello di ispirazione. Durante il periodo scolastico ebbe modo di conoscere il futuro cantante dei Black Sabbath, Ozzy Osbourne. Iniziò a lavorare in una officina dove si lavoravano metalli. Dopo essere stato selezionato come temporaneo rimpiazzo nei Jethro Tull si convinse di avere la possibilità di diventare musicista professionista, ma durante uno dei suoi ultimi turni di lavoro una pressa gli amputò le falangi superiori del medio e dell’anulare della mano destra. Ricoverato in ospedale, venne dimesso dopo un mese di inutili tentativi di riattaccare le parti amputate. Essendo mancino provò a imparare a suonare da destro, ma non ci riuscì e cadde in un periodo di profonda depressione, decidendo di abbandonare la chitarra. Nel ricominciare a suonare, creò l’applicazione di alcune protesi, realizzate da lui stesso fondendo e sagomando la plastica di alcuni tappi di flaconi di detersivo liquido “Fairy”. Per poter suonare meglio con le protesi, che lo ostacolavano soprattutto nell’esecuzione del bending, Iommi scelse di accordare il suo strumento un semitono sotto rispetto alle chitarre normali, perché le corde potessero essere più morbide. A questa scelta, inizialmente compiuta per necessità, si deve lo sviluppo del tipico suono cupo della chitarra di Iommi, particolarmente apprezzato in ambito hard rock e heavy metal; inoltre, il materiale delle protesi permette di fare degli slide molto rapidi. L’attività musicale di Iommi iniziò nel 1964, suonando in una band blues chiamata The Rockin’ Chevrolets. Iniziò ad esibirsi dal vivo per poter entrare nel giro della musica e abbandonare il lavoro da operaio.
Nel 1966 entra nei The Rest e nei Mythology, assieme al batterista e suo compagno di scuola, il batterista Bill Ward. I due, dopo aver lasciato i gruppi, incontrarono Ozzy Osbourne tramite un annuncio inserito dal cantante in un negozio di dischi. Dopo che i tre si incontrarono, Osbourne portò con sé il chitarrista Geezer Butler (che suonerà, d’ora in poi, il basso), entrambi venivano da una band di breve vita chiamata Rare Breed. Una volta uniti, formarono un sestetto (con il secondo chitarrista Jimmy Phillips e il sassofonista AlanAkerClarke), chiamato Polka Tulk Blues Band. Phillips e Clarke abbandonarono e i restanti membri accorciarono il nome in Polka Tulk, in seguito cambiato in Earth ma, a causa di omonimia con un’altra band, decisero di chiamarsi, definitivamente, Black Sabbath.

Nasce Francis Buchholz

(Hannover, 19 febbraio 1954)

Oggi è il compleanno di Francis Buchholz, ex bassista dell’heavy metal band tedesca, Scorpions. Francis esordì come bassista all’età di 15 anni in una band scolastica, dove ebbe la possibilità di suonare vari generi come il rock, il blues e il jazz. Terminati gli studi, fondò un gruppo, i Dawn Road, per poi entrare nei neo fondati Scorpions nel 1973, con cui guadagnò prestigio in USA, Canada, Giappone, Brasile, Messico e Europa. Vinse più di 50 dischi d’oro e platino, ma nel 1992 lasciò gli Scorpions. Scrisse il libro “Bass Magic” e nel 2005 tornò ad esibirsi in live unendosi al tour del chitarrista Uli Jon Roth, ex Dawn Road e Scorpions.

Nasce Tom Angelripper

(Gelsenkirchen, 19 febbraio 1963)

Oggi compie gli anni Tom Angelripper, vero nome Thomas Such, cantante/bassista, membro fondatore e il principale compositore della thrash metal band tedesca Sodom. La principale fonte di ispirazione del musicista tedesco sono i Motörhead di Lemmy Kilmister, sua band preferita, i Venom e i Tank. Tutti questi gruppi sono accomunati dal fatto di essere dei power trio dove il bassista funge anche da cantante, esattamente come nei Sodom (per la maggior parte della loro carriera).
Angelripper formò i Sodom nel 1982 e riuscì subito a imporre il proprio combo sulla cresta dell’onda della nascente scena thrash germanica (insieme ai Kreator e ai Destruction la “triade teutonica” che negli anni ’80 rivaleggiava in fama con i “Grandi Quattro” del thrash usa – Metallica, Megadeth, Slayer e Anthrax). Tom è sempre stato il punto focale della band, sia in fase esecutiva che compositiva anche se la critica giudica fondamentale l’apporto di Frankie Blackfire, soprattutto nella fasi di passaggio dall’originale sound “blackeggiante” (condito con tematiche sataniche) a un sound più propriamente “thrash” (accompagnato da testi sociali, politicizzati e attinenti alla storia militare, soprattutto sulla Guerra del Vietnam). Nel corso della sua carriera Tom ha fondato un’altra band, chiamata Onkel Tom Angelripper, specializzata nel realizzare gustose “cover” riarrangiate (in versione metal) di canzoni popolari tedesche, canti da birreria e persino carole natalizie. Inoltre ha lavorato, insieme al chitarrista turnista Alex Kraft, al side project Dezperadoz, suonando canzoni ispirate al genere cinematografico degli spaghetti western, molto popolare in Germania. Ultimamente la band, dove Tom ha limitato il suo contributo, ha lievemente cambiato il suo nome in Dezperadoz, continuando però il suo percorso stilistico.

Nasce Doug Aldrich

(Raleigh, 19 febbraio 1964)

E’ il compleanno oggi di Doug Aldrich, chitarrista principalmente noto per aver suonato con i Whitesnake, e per aver militato in diverse altre heavy metal band come Dio, Lion, Bad Moon Rising, Hurricane, House of Lords, Burning Rain e Steam Roller.

Bon Scott ci lasciava

(Forfar, 9 luglio 1946 – Londra, 19 febbraio 1980)

Si ricorda oggi l’anniversario della morte di Ronald BelfordBonScott, il leggendario cantante degli AC/DC. Nacque a Forfar, Scozia, e visse a Kirriemuir fino all’età di 6 anni, quando emigrò con la famiglia in Australia. Crebbe a Perth, dove studiò la batteria e la cornamusa nella banda scozzese locale. Dopo la sua prima band, gli Spektors (1966), formò i Valentines, come co-cantante, insieme a Vince Lovegrove. I Valentines, attivi fra il 1967 e il 1970, registrarono diverse canzoni originali, covers e altre scritte da George Young degli Easybeats, tra cui “Peculiar Hole in the Sky” che entrò nella top 5 locale. Durante la sua permanenza nel gruppo, Bon fu uno dei primi rocker australiani ad essere accusati di possesso di marijuana. Scott si trasferì ad Adelaide dove si unì alla band Fraternity (attivi fra il 1970 e il 1973) con la quale incise (dopo essersi trasferiti a Sydney) due LP, “Livestock” (1971) e “Flaming Galah” (1972), con un conseguente tour in Europa nel 1973. Durante lo stesso anno, subito dopo essere tornati da un tour in Gran Bretagna, i Fraternity entrarono in una fase di stasi. In questo periodo, Scott iniziò a suonare con una band chiamata Mount Lofty Rangers; fu proprio mentre stava tornando da una sessione di prove con questi ultimi che Scott ebbe un incidente con la moto, nel quale rimase gravemente ferito. I Fraternity finirono con il riunirsi senza Scott, ma si sciolsero quasi subito. Nel 1974 Bon svolse qualche lavoro occasionale ad Adelaide, ed incontrò per la prima volta i membri degli AC/DC mentre lavorava come autista. I leader della band erano i fratelli Angus e Malcolm Young, fratelli minori dell’amico di Scott, George Young. Scott fu subito impressionato dall’energia e dalla potenza espressa dalla band, ed i giovani AC/DC rimasero, a loro volta, affascinati dalle doti del frontman. Quando gli AC/DC licenziarono il loro cantante originale, Dave Evans, Scott venne infine chiamato per sostituirlo. Bon Morì a Londra il 19 febbraio 1980, dopo una notte di eccessi, in circostanze non del tutto chiare. Secondo alcune testimonianze, quella sera era lucido e in grado di reggersi in piedi da solo senza bisogno d’aiuto. Fu ritrovato morto sul sedile posteriore di un’auto (una Renault 5), nella via Overhill Road a Dulwich, là dove era stato lasciato da un suo amico. È stato sostenuto che il soffocamento da vomito sia stato la causa della morte, ma essa è stata indicata sul certificato di morte come “intossicazione acuta da alcol” e classificata come “morte accidentale”. Dopo la sua morte, il cantante inglese Brian Johnson, già componente del gruppo glam rock di Newcastle Geordie, prese il suo posto e gli AC/DC registrarono l’album “Back in Black“, che divenne il secondo album più venduto di tutti i tempi ed il primo di hard rock. Scott è sepolto nel cimitero di Fremantle, in Australia.

Mats Olausson ci lasciava

(Göteborg, 17 aprile 1961 – Rayong, 19 febbraio 2015)

In questo giorno si ricorda la morte di Mats Johan Olausson, tastierista svedese famoso per la sua lunga militanza nella band di Yngwie Malmsteen, ma ha anche collaborato con numerosi altri artisti come Talisman, John Norum e Ark.
Si è spento in Thailandia il 19 febbraio 2015 all’età di 53 anni.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.