Le ricorrenze, le notizie, il Rock suddiviso per anni: l'Almanacco di Rock by WildSuccedeva oggi 

L’almanacco di Rock by Wild – 9 maggio

2 Ricorrenze per il 9 maggio

Nasce Billy Joel

(New York, 9 maggio 1949)

Oggi compie gli anni William Martin Joel, comunemente conosciuto come Billy Joel, cantante, pianista e compositore statunitense. Ha iniziato a suonare nel primo complesso a quattordici anni The Echoes, dopo avere visto un concerto dei Beatles alla trasmissione televisiva “Ed Sullivan Show”. Nel 1967 ha fatto parte della band The Hassles, (con la quale ha pubblicato due dischi), per poi costituire, nel 1970, il duetto heavy metal denominato Attila (insieme all’ex batterista degli Hassles, Jon Small), col quale pubblicherà un solo album per la Epic Records. Il suo primo album “Cold Spring Harbor“, uscito nel 1971, non ha avuto successo, tanto da indurlo a tornare nei piano bar, dove aveva iniziato i suoi primi passi con lo pseudonimo di Bill Martin. Nel 1972 andrà a Los Angeles. Ma sarà con l’album “Piano Man” (1973), dopo avere stipulato un nuovo contratto in quella città con la Columbia Records del leggendario Clive Davis, che Billy inizia a farsi conoscere al grande pubblico, grazie a canzoni come “Captain Jack“, “The Ballad of Billy the Kid” e “Piano Man“, ancora oggi molto conosciute, con cui arriva alla 27ª posizione della hit parade statunitense. Il singolo “Piano Man” arriverà tra le prime top 20, e gli porterà il suo primo disco d’oro. La prima delle menzionate canzoni, “Captain Jack“, per vero, venne composta l’anno precedente e fu proprio una sua versione dal vivo trasmessa in una stazione radio di Philadelphia (WMMR-FM) ad attirare l’attenzione della prestigiosa casa discografica. Tornato a New York, la svolta, dopo l’interlocutorio “Streetlife Serenade” (1974), è arrivata nel 1976 col suo primo album autoprodotto, “Turnstiles“, il quale contiene hits come “Say Goodbye to Hollywood” e “New York State of Mind“, grazie all’incontro con quei musicisti che lo accompagneranno per quasi quindici anni di carriera, (Liberty De Vitto; Doug Stegmeyer; Richie Cannata), i quali contribuiranno ad elevare la qualità musicale di Joel. La strada del successo era tracciata, tanto che nella primavera del 1977 viene chiamato al “Carnegie Hall” di New York, ove tiene tre concerti, tutti esauriti (2, 3 e 4 giugno). La definitiva consacrazione arriva nel 1977 con l’album “The Stranger“, prodotto in collaborazione con Phil Ramone, (conosciuto a Toronto), approfittando della pausa dalle scene che si era preso Elton John, il pianista britannico a cui Joel, bene o male, si ispirava con la sua musica. Il disco, uscito nel mese di settembre, venderà oltre dieci milioni di copie, (record per la Columbia Record’s, superato solo nel 1985 con “Born in the USA” di Bruce Springsteen), e grazie al quale vincerà due Grammy Awards per la migliore canzone e il miglior disco dell’anno, (con “Just the Way You Are“). Il successo è stato seguito dall’altrettanto fortunatissimo lp dell’anno dopo “52nd Street“, giunto 1º in classifica, e contenente grandi successi come “My Life“, “Honesty” e “Big Shot“, per il quale vinse altri due Grammy per il miglior album e per la migliore performance vocale pop-rock dell’anno. Sempre nel 1978, si reca a Cuba all’Havana Jam, ove terrà tre storici concerti al Karl Marx Theater. Billy Joel ha continuato con successo la sua carriera negli anni ’80, ’90 e 2000. Nel marzo del 2011 esce il DVD “Live at Shea Stadium” registrato nel corso di due concerti allo Shea Stadium di New York City il 16 luglio e 18 del 2008. Al concerto partecipano artisti del calibro di Tony Bennett, Garth Brooks, John Mayer e Paul McCartney. Si è sposato nel 1971 con la sua manager, Elizabeth Weber. Il matrimonio è finito con il divorzio nel 1982. In seguito si è sposato nel 1985 con la supermodella Christie Brinkley che era rimasta vedova del precedente marito. Dal loro matrimonio è nata una bambina, Alexa Ray Joel, nel 1985. Anche questo matrimonio è finito con un divorzio nel 1994. Nel 2004, si è sposato con la ventitreenne Katie Lee. Al momento del matrimonio Joel aveva 54 anni. La figlia di Joel, Alexa Ray Joel, 18 anni, è stata la damigella d’onore. Anche l’ex-moglie di Joel, Christie Brinkley, ha partecipato alla cerimonia e dato alla coppia la sua benedizione. Nel giugno del 2009 diventa ufficiale il divorzio dalla terza moglie. Nel dicembre del 2009 la figlia di Joel, Alexa, ha tentato il suicidio ingerendo un’elevata dose di farmaci. Poco tempo prima era stata lasciata dal fidanzato. In un’intervista fattagli nel 2010 dal presentatore radiofonico Howard Stern si è dichiarato ateo. Nel 2013 ha venduto la sua villa di lusso a Miami Beach all’imprenditore Diego Della Valle per 14 milioni di dollari.

Nasce Dave Gahan

(Chigwell, 9 maggio 1962)

Oggi è il compleanno di David “Dave” Gahan, cantautore e musicista britannico, cofondatore e frontman del gruppo Depeche Mode. Nell’adolescenza fu ribelle e trasgressivo, fino ad essere convocato per ben tre volte davanti alla corte giovanile per furto d’auto, vandalismo e graffiti. Lasciò la scuola superiore (St. Nicholas) e si dedicò a lavoretti di vario genere, tra cui la vendita di bevande non alcoliche e la costruzione di edifici. Fu coinvolto nel movimento punk, allora ai suoi esordi e nel 1977 si iscrisse al Southend Art College di Londra, dove studiò per un breve periodo da stilista e da vetrinista. Al liceo aveva conosciuto due altri futuri membri dei Depeche Mode, ovvero Martin Lee Gore e Andrew Fletcher, assieme ad Alison Moyet, cantante, mentre a Londra conobbe John Lydon, (che farà parte del gruppo dei Sex Pistols) e George O’Dowd, (che sarà in seguito conosciuto come Boy George del gruppo dei Culture Club). Nel 1980 incontrò Vince Clarke, che all’epoca faceva parte di una band chiamata French Look, e che in seguito avrebbe formato i Composition of Sound con Martin Lee Gore e Andrew Fletcher. Clark assistette ad una performance di Gahan in un club e lo arruolò nella band, che in seguito verrà rinominata in Depeche Mode, nome ispirato da una rivista di moda francese. Il successo arrise al gruppo fin dal 1981 e nel 1985 si sposò con Joanne Fox, da cui ebbe un figlio (Jack) nel 1987. In quell’anno il gruppo raggiunse l’apice del successo con il Music for the Masses Tour negli Stati Uniti nel 1987-88. Nel 1991 lasciò la famiglia per sposare la sua press-agent, Theresa Conroy, e si trasferì a Los Angeles. Dal punto di vista artistico, impresse alla propria voce tonalità più graffianti e imparò a suonare l’armonica a bocca. Nell’album “Songs of Faith and Devotion“, inciso dai Depeche Mode nel 1993, la svolta rock è testimoniata anche dall’uso, per la prima volta nella loro storia, di veri strumenti (batteria, orchestra da camera, coriste). In questo periodo (1991-1996), Gahan finisce per esacerbare ancor di più il suo già pesante consumo di droghe, tanto che, dopo aver tentato il suicidio nel 1995, (valsogli un arresto essendo considerato reato in California), il 28 maggio 1996 è vittima di una quasi fatale overdose da speedball (un mix cocaina-eroina) in un hotel di Los Angeles, dove si era trasferito alla fine del suo matrimonio con la Conroy. È preda, quasi costantemente, di visioni e deliri, e già in diverse occasioni i paramedici si sono dovuti adoperare per salvargli la vita. Questa volta, tuttavia, Dave rimane clinicamente morto per circa tre minuti, tanto da far credere ai soccorritori che non ci siano più speranze di rianimarlo. Curiosamente questo episodio creerà, ma solo ed esclusivamente in Italia, il falso mito dell’incipit di Barrel of a Gun attribuito allo stesso Dave, episodio sconosciuto alle altre biografie dedicate alla band. Gahan viene rianimato e salvato, tuttavia si ritrova subito con le spalle al muro: su di lui pendono capi d’imputazione che comportano, qualora non dovesse riuscire a disintossicarsi definitivamente, una concreta minaccia di espulsione dagli Stati Uniti. Oramai messo alle strette, Dave decide di farsi curare, rimanendo peraltro sotto costante controllo medico per diversi mesi e sottoponendosi a numerosi controlli che ne attestino il definitivo abbandono dell’uso di sostanze stupefacenti. In un centro di recupero Gahan incontra la sua terza ed attuale moglie, Jennifer Sklias, la quale curiosamente non conosceva i Depeche Mode. I due si trasferiscono a New York e si sposano il giorno di San Valentino del 1999. Nello stesso anno hanno una bambina, Stella Rose, mentre circa 10 anni dopo, Gahan adotterà Jimmy, avuto dalla moglie in una sua precedente relazione. Nel 2003 esce il suo primo lavoro da solista, scritto in collaborazione con Knox Chandler, “Paper Monsters“, a cui fa seguito un tour negli Stati Uniti e in Europa. Dallo stesso tour verrà estratto un DVD ufficiale chiamato “Live Monsters“, testimonianza della seconda data tenuta da Gahan all’Olympia di Parigi. Ringalluzzito dal moderato successo di “Paper Monsters“, Dave decide di dare un ultimatum ai suoi compagni di gruppo: per la pubblicazione del nuovo disco dei Depeche Mode esige di poter contribuire con pezzi propri alla stesura del nuovo album e, a fronte di un eventuale loro rifiuto, il frontman abbandonerà il gruppo. Gahan chiede di poter contribuire per la metà dei brani complessivi, ma grazie all’opera di mediazione di Andy Fletcher, si accontenterà di 3 pezzi. Così con la pubblicazione di “Playing the Angel” nel 2005, vengono inserite per la prima volta tre canzoni scritte da lui insieme al batterista, già collaboratore dei Depeche Mode dal vivo, Christian Eigner e a Andrew Philpott: “Suffer Well“, “I Want It All” e “Nothing’s Impossible“. La prima sarà anche pubblicata come singolo nel marzo 2006, (nel video promozionale compare anche la sua attuale moglie). Il 14 marzo 2007 viene annunciata sul sito ufficiale dei Depeche la preparazione del secondo lavoro solista di Dave. Il nome del nuovo album è “Hourglass“, la data di uscita è fissata per il 22 ottobre 2007, mentre il primo singolo dell’album, intitolato “Kingdom“, esce l’8 ottobre. Lavoro sicuramente più maturo del precedente, il nuovo album riscuote anche maggiori consensi di critica e pubblico; tuttavia, per non ritardare l’uscita del nuovo lavoro dei Depeche Mode, Dave decide di non promuoverlo con una tournée. Nell’estate del 2008 i Mode registrano “Sounds of the Universe“, album che uscirà nell’aprile 2009. Anche in questa occasione, Dave contribuisce con 3 brani alla scrittura del nuovo album, sempre in collaborazione con Christian Eigner e Andrew Philpott: “Hole to Feed“, “Come Back” e “Miles Away/The Truth Is“. I Depeche Mode partono in tournée (chiamata Tour of the Universe) ad inizio maggio 2009, tuttavia il gruppo è ben presto costretto ad annullare il concerto di Atene (3a data del tour) a causa di una gastroenterite di Gahan. A seguito di controlli di routine dovuti alla stessa gastroenterite, i medici scoprono un problema ben più serio che costringerà Dave a sottoporsi immediatamente a delle cure ed il gruppo a cancellare diversi concerti. Con un comunicato stampa diramato il 28 maggio del 2009 che mette fine alle tante voci rincorsesi per due settimane circa, Dave comunica di soffrire di un tumore alla vescica. Fortunatamente l’operazione per la rimozione del tumore riuscirà perfettamente, permettendo al gruppo di riprendere la tournée l’8 giugno da Lipsia. Nel 2012 è stato pubblicato l’album in studio “The Light The Dead See“, realizzato in collaborazione con i Soulsavers. L’anno successivo, viene invece pubblicato il 13º album in studio, “Delta Machine“, dove Gahan contribuisce con Kurt Uenala alla scrittura di tre brani: “Secret to the End”, “Broken” e “Should Be Higher“. Il tour di questo disco porterà i Depeche Mode anche in Italia, per una data allo Stadio Olimpico di Roma.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.