The QuireboysNews 

The Quireboys: il nuovo album “Amazing Disgrace” in uscita l’8 febbraio 2019

Amazing Disgrace” è il titolo del nuovo album della band The Quireboys. Il gruppo inglese ha iniziato una campagna, Pledgemusic, per la nuova release in pubblicazione l’8 febbraio 2019. Si attendono maggiori dettagli.

Pledgemusic -> link

The Quireboys, che si sono formati nel 1984 a Londra, propongono un hard di impronta Sleaze. Più volte sono stati accostati ai Faces di Rod Stewart e Ron Wood (attivi nei primi anni settanta). Tale accostamento può essere attribuito, almeno in parte, all’uso delle tastiere che invece in altri gruppi Sleazie Metal sono quasi assenti. Il loro stile non è mai cambiato negli anni nonostante il cambio delle mode. Come molte band sleazie metal con l’avvento del grunge di metà anni novanta hanno subito un calo di pubblico e un momentaneo scioglimento del gruppo. Iol primo nome della band era Choirboys e da metà degli anni 80 si esibiscono regolarmente al Marquee di Londra creandosi una ottima reputazione. Nonostante ciò Paul Hornby lascia il gruppo per entrare nei Dogs D’amour e viene sostituito da Nick “Cozy” Connel. Nel 1986 suonano come band di supporto ai Cherry Bombz. Nel 1987 vengono chiamati a suonare al Reading Festival a condizione che cambino il nome del gruppo: nascono i The Quireboys. Vengono pubblicati due singoli “Mayfair” e “There She Goes Again” e Ginger (altro musicista natio di Newcastle) diventa la seconda chitarra del gruppo. Con il nuovo innesto i The Quireboys fanno da supporto ai Guns’n’roses all’Hammersmith Odeon nel 1989. Sharon Osbourne fa firmare un contratto al gruppo con la Emi. Intanto la band sostituisce Nick Connel con Ian Wallace (ex Bob Dylan) e Ginger (che formerà i Wildhearts) con Guy Griffin. Con questi due nuovi arrivi in formazione viene inciso il primo album nel 1990 “A Bit Of What You Fancy“. L’album è subito un successo e contiene alcuni dei pezzi più famosi dei The Quireboys: “Hey You“, “Sex Party“, “Sweet Maty Ann“, “There She Goes Again” ecc.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.