Decapitated - Slaughter Club - Milano - Italian Tour 2022 - PromoNews 

Decapitated a Milano: una data live il 28 Gennaio 2022

Decapitated a Milano: Hellfire Booking è lieta di annunciare l’arrivo della technical death metal band polacca nel nostro paese per un’unica data il 28 gennaio 2022 allo Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI).

Decapitated a Milano – I Dettagli:

Venerdi 28 gennaio 2022, Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI)
Biglietti a partire dalle 11 del 16 luglio qui-> link

I Decapitated sono un gruppo technical death metal polacco, formatosi a Krosno nel 1996. Molto acclamato sia a livello di pubblico sia dalla critica, il loro stile li pone come una delle band più tecniche ed estreme del genere. Il gruppo nacque a Krosno, nel sud della Polonia, nel 1996, quando l’età media dei componenti era di soli 14 anni e tutti i componenti frequentavano il conservatorio. Nel 1997 uscì il loro primo demo, “Cemeterial Gardens“, e tre anni dopo uscì il loro primo album, “Winds of Creation“, da molti considerato ancora il loro apice. Il successore, “Nihility” (2002) era un concentrato ancora maggiore di tecnica e brutalità. Questo stile continuò sul loro disco del 2004, “The Negation“. Compresi tra i 18 (con Vitek) ed i 22 anni (con Vogg) loro sono probabilmente il gruppo più giovane ad aver raggiunto un grande successo nel genere. Martin e Vogg suonano anche in un altro gruppo polacco, i Lux Occulta, dediti al black metal. Attualmente i Decapitated sono sotto contratto con la Earache Records, e all’inizio del 2006 hanno pubblicato il disco “Organic Hallucinosis“, che vide un’evoluzione nel loro stile. Il disco in questione era infatti meno marcatamente brutal, richiamando più all’industrial/death metal tipico di gruppi come Fear Factory e Meshuggah. Nell’estate del 2005, Sauron, il cantante, lasciò la band. Venne rimpiazzato da Covan, già componente dei Atrophia Red Sun. Il 29 ottobre 2007, mentre il gruppo stava viaggiando verso Gomel, Bielorussia, insieme ai Crionics, viene coinvolto in un incidente stradale a Novozybkov in Russia non lontano dal confine con la Bielorussia. Adrian Kowanek e Witold Kiełtyka rimangono gravemente feriti, nei giorni successivi il cantante mostrerà dei progressi, ma il giovane batterista morirà il 2 novembre all’età di 23 anni. Dopo oltre due anni, il 20 novembre 2009, il chitarrista Waclaw Kieltyka annuncia il ritorno della band con un tour in Gran Bretagna e una formazione totalmente nuova: Kerim Lechner sostituirà Witold alla batteria, Rafał Piotrowski l’ancora convalescente Adrian Kowanek alla voce e Filip Hałucha sarà il nuovo bassista live.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.