Deicide - Overtures Of Blasphemy - Album CoverNews 

Deicide: il nuovo video “Defying The Sacred”

Defying The Sacred” è il nuovo videoclip ufficiale dei Deicide disponibile online. Il brano è tratto dal loro ultimo album dal titolo “Overtures Of Blasphemy“, pubblicato l’etichetta Century Media Records il 14 settembre. Il nuovo lavoro è il successore di “In The Minds Of Evil“, uscito nel 2013, ed è stato prodotto da Jason Suecof (The Black Dahlia Murder, Trivium) presso gli AudioHammer Studios di Sanford, in Florida. L’artwork di copertina è realizzato da Zbigniew M. Bielak.

Guarda qui il video di “Defying The Sacred

1.One With Satan
2.Crawled From The Shadows
3.Seal The Tomb Below
4.Compliments Of Christ
5.All That Is Evil
6.Excommunicated
7.Anointed In Blood
8.Crucified Soul Of Salvation
9.Defying The Sacred
10.Consumed By Hatred
11.Flesh, Power, Dominion
12.Destined To Blasphemy

I Deicide nacquero a Tampa (Florida) il 21 luglio 1987 col nome Carnage. Dopo che Glen Benton si unì al gruppo, questi cambiò nome in Amon. In questo periodo vennero distribuiti i demo “Feasting the Beast” (1987) e “Sacrificial” (1989). Nel 1989 il nome del gruppo fu cambiato in Deicide per costrizione della casa discografica Roadrunner Records, poiché Amon era il nome della casa nell’album “Them” di King Diamond. Nel 1990 pubblicarono il loro primo album, dal titolo omonimo. Come è facile aspettarsi da una band così smaccatamente anti-cristiana, i Deicide sono stati duramente criticati per i loro testi fortemente antagonisti. Questa loro immagine – ed essenza – è tradotta in pratica in molti modi provocatori: il cantante Glen Benton, ad esempio, ha una croce rovesciata marchiata a fuoco sulla fronte. I Deicide sono stati banditi da molti concerti e festival, ad esempio a Valparaiso, Cile. La ragione, in questa occasione, era il poster promozionale della band, che raffigurava il Cristo con la fronte trapassata da un proiettile. In un’altra occasione alla band è stata negata la partecipazione all’Hellfest festival a causa della profanazione di numerose tombe nelle vicinanze del concerto, sulle quali era stato scritto “When Satan Rules His World” con vernice spray. La frase era tratta dal titolo di una canzone tratta dall’album “Once Upon the Cross” (1995). Il loro video musicale del brano “Homage for Satan“, che rappresenta un gruppo di zombie che danno la caccia ad un prete, è stato bandito dalla rete televisiva inglese Scuzz TV.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.