Casa Di Infanzia Di Kurt CobainNews 

Kurt Cobain: la sua casa d’infanzia diventerà un museo

Diventerà un museo per tour privati la casa natale di Kurt Cobain, ad Aberdeen, nello stato di Washington, dove Cobain trascorse i suoi anni giovanili: dal 1968 al 1984. L’attuale proprietario Lee Bacon ha comprato l’abitazione direttamente dalla famiglia Cobain nel 2018 per 225,000 dollari e da quel momento la sta riportando al suo splendore vintage. Lo stato di Washington ha ufficialmente inserito la casa, di un piano e mezzo, nel Washington State Department of Archaeology and Historic Preservation’s Heritage Register, registro per la tutela dei beni culturali. Lo scopo di Bacon è quello di rendere la casa un progetto in tributo a Kurt Cobain, dalla sua infanzia fino alla sua carriera con i Nirvana, anche se Cobain visse in quella casa prima di diventare una leggenda della musica grunge. Al progetto collabora anche Kim Cobain, sorella di Kurt. I lavori che stanno riportando la casa indietro nel tempo di quasi 40 anni sono quasi completati ma per le norme urbanistiche vigenti nel quartiere non sarà possibile renderla un museo a tempo pieno ma solo per tour privati.

Kurt Donald Cobain, frontman dei Nirvana. Cobain ha formato la band nel 1987 con Krist Novoselic. In due anni la band divenne uno dei gruppi leader della scena rock/grunge statunitense. Nel 1991, l’uscita del singolo “Smells Like Teen Spirit “segnò l’inizio di una nuova generazione. I media musicali avrebbero infatti conferito a quel brano il titolo di inno di una generazione, e, con esso, a Cobain l’appellativo di portavoce della generazione X. Negli ultimi anni della sua vita, Cobain ha lottato contro la dipendenza dall’eroina e le pressioni dei media su di lui e sulla moglie Courtney Love, da cui ha avuto una figlia di nome Frances Bean. L’8 aprile 1994 venne trovato morto nella sua casa di Seattle, suicidatosi con un colpo di fucile. Negli anni seguenti si è tuttavia sviluppato un acceso dibattito riguardo alle cause della sua morte. Il personaggio di Cobain è diventato un’icona vera e propria fra i giovani di ormai quasi due generazioni, a tal punto da influenzare ancora oggi sia la musica che la cultura giovanile. A Cobain non piaceva che ci si riferisse a lui, come con Bob Dylan, definendolo “il portavoce di una nuova generazione” (nel caso di Cobain, la generazione X), ma ottenne ugualmente tale titolo. Secondo la rivista Rolling Stone, nonostante la sua breve vita, Kurt Cobain è stato il miglior artista degli anni novanta. È stato inoltre inserito al 45º posto nella lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone e al 73º posto della lista dei 100 migliori chitarristi secondo Rolling Stone. Cobain è stato introdotto, insieme agli altri membri dei Nirvana, Krist Novoselic e Dave Grohl, nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2014, il primo anno in cui erano eleggibili.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.