Paradise Lost - Draconian Times - 25Th Anniversary Edition - Album CoverNews 

Paradise Lost: l’edizione per i 25 anni di “Draconian Times” in uscita il 4 Dicembre 2020

Draconian Times“, è l’album dei Paradise Lost pubblicato nel 1995, che li definì dal punto di vista musicale e li rese una delle migliori metal band del Regno Unito. In concomitanza con il 25° anniversario dall’uscita del disco, Music For Nations renderà disponibile la ristampa dal 4 dicembre 2020. Nato da una collaborazione con Simon Efemy (Napalm Death, The Wildhearts, Obituary), i Paradise Lost hanno registrato questo lavoro fondamentale presso gli studi Ridge Farm nel Surrey e nella villa gotica Great Linfield Manor nel Bedfordshire. “Draconian Times” è diventato il lavoro di maggior successo della band sino ad oggi ed è riconosciuto come il loro album dei record. Il prodotto è disponibile in CD, doppio LP stampato in vinile 180gr blu trasparente ed in digitale.

Di seguito il commento del chitarrista Aaron Aedy:

“L’era di “Draconian Times” è racchiusa per noi in due anni fantastici – 1995 e 1996 – in cui abbiamo fatto per la prima volta tournée in Sud America e Giappone ed abbiamo suonato con Ozzy, Sex Pistols e altri. I due anni hanno raggiunto il culmine con un tour che si è concluso al concerto che ogni giovane fan del metal degli anni ’80 e ’90 sognava di vedere (figuriamoci quindi l’averci suonato!!), ossia l’ultimo – leggendario – Monsters of Rock di Donington. Tutti i nostri sogni si sono avverati durante l’intero periodo di “Draconian Times“. 25 anni dopo, siamo ancora molto orgogliosi e onorati di aver vissuto quella esperienza, e siamo molto lieti di vederlo ristampato in vinile dato che non è stato più disponibile in quel formato per molto tempo. Sono persino felice di averne uno io!”.

Nick Ruskell di Kerrang, che ha scritto anche le note di copertina per la ristampa, descrive “Draconian Times” come una raccolta di canzoni magnificamente heavy, ma con una raffinata patina gotica. Brillantemente suonate e realizzate in modo da risultare nitide ed efficaci, hanno rappresentato il meglio della scena metal da cui provenivano, ma allo stesso tempo erano grandiose come se fossero appartenute una band del calibro degli U2. I Paradise Lost avevano superato il limite che separava ottime band underground da ottime band metal mainstream.

I Paradise Lost sono un gruppo gothic metal britannico, indicati anche come precursori del sottogenere death doom metal. Il loro nome deriva dal poema di John Milton del 1667 dal titolo omonimo. Il sito IGN.com li ha inclusi nella Top 10 dei migliori gruppi nel genere doom metal. Sono conosciuti per essere stati, assieme a My Dying Bride e Anathema, i precursori del death doom metal e doom metal moderno. Nel corso degli anni, la band ha pubblicato lavori più inclini al gothic rock e synthpop, in particolare nel periodo compreso tra “One Second” (1997) e “Symbol of Life” (2002). Nonostante le critiche dei sostenitori tradizionalisti, quest’approccio audace gli ha garantito un buon successo di pubblico ed ha cementato la lealtà con gli amanti del progressive. La mutazione stilistica ha portato anche dei cambiamenti riguardo alle linee vocali: ad esempio il cantante Nick Holmes ha usato una voce death all’esordio (“Lost Paradise“); in “Draconian Times“, la sua voce aveva un tono più pulito e simile a quella di James Hetfield dei Metallica; nei dischi “One Second” e “Host” il timbro è esclusivamente pulito e melodico; in Paradise Lost ha usato una voce calda, vicina ai classici canoni del gothic metal; nei lavori più recenti la voce è spesso cantata in growl di stampo death doom dei primi album.
Il cantante Nick Holmes ed il chitarrista Gregor Mackintosh sono i principali compositori del gruppo.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.