Recensioni Nazionali 

Recensione di Ephesar – “Exordium”

Questo disco risale al 2009 e rappresenta il cosidetto primo full-lenght degli Ephesar.

Cominciamo col dire che questo lavoro mi ha convinto a pieno fin dalla prima nota, da una parte scopriamo la loro anima progressive con suoni stilisticamente affini a quelli di gruppi come Dream Theater e Symphony X, dall’altra scopriamo la loro anima gotica più dura e cupa, il tutto magistralmente orchestrato dalla bravura dei musicisti; quasi incredibile come ben si amalgamano chitarre e tastiere, creando melodie intense ed emozionanti e al tempo stesso anche atmosfere più dure, sospinte dalla potenza del basso che accentua tutti i momenti più significativi.
Merita poi un capitolo a parte la splendida voce di Aurora, la quale ci da sentenza definitiva sulla straordinaria vena della band.

Gli Ephesar cantano in italiano e ciò impreziosisce moltissimo il loro lavoro, perché come molti di voi sapranno, fare questo genere cantando in italiano è veramente difficile, ma agli Ephesar riesce alla grande e ciò non è altro che ulteriore conferma della loro straordinaria qualità; ciò gli ha permesso di distinguersi rispetto a tanti altri gruppi e di ricevere anche preziosi inviti a concerti e trasmissioni televisive. La più importante è senz’altro l’esibizione negli studi di Rock TV, durante la trasmissione “Sala Prove”, dove hanno presentato “Custode delle ombre”, quello che possiamo definire il loro cavallo di battaglia, il brano più immediato di tutto il disco, il singolo perfetto. Tuttavia ritengo che all’interno di “Exordium” ci siano brani davvero interessanti e di ottima fattura, tanto che scegliere un brano favorito è davvero difficile. Sarebbe scontato optare per il singolo, pertanto mi prendo la briga di sottolineare la magistrale prova canora su “Tutto tace”, in cui si sfocia in un duetto atmosfericamente fantastico; pregevoli anche le due tracce strumentali “ Notte” e “Sognando il tempo”.

Questo è un disco che mi sento di consigliare a tutti, perché veramente l’ho trovato fantastico, dall’inizo alla fine, senza un attimo di calo o di noia; in particolare lo suggerisco a tutti gli amanti delle belle voci femminili, a chi apprezza le sonorità prog dei Dream Theater e quelle più gotiche dei Nightwish.

In attesa del succesore di “Exordium”, che sicuramente ci soprenderà tutti moltissimo, posso già fare i miei più sinceri complimenti agli Ephesar.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.