Skyclad - Forward Into The Past - Album CoverNews 

Skyclad: il nuovo album “Forward Into The Past” il 28 Aprile 2017

Forward Into The Past” è il titolo del nuovo album dei britannici Skyclad in uscita il prossimo 28 Aprile tramite l’etichetta francese Listenable Records. Il successore di “In The… All Together” (2009) segna anche il ritorno in pianta stabile del chitarrista Dave Pugh nella lineup. L’artwork di copertina è stato realizzato da Duncan Storr (Edge Of Sanity, Rage, Hawking).

Di seguito le parole del vocalist della band, Kevin Ridley:

“Le canzoni parlano di politica, ambiente, music business e via discorrendo.Ci sono brani con il tipico stile licenzioso/alcolico degli Skyclad e brani più malinconici e con un sentimento “etnicoù”. “L’uomo verde” o “cantastorie” è un’immagine che fa parte della tradizione che è usata per mostrare l’interdipendenza tra l’uomo e la natura. Credo che il nuovo album suoni caldo, naturale e “reale””.

Questa sarà la tracklist di “Forward Into The Past”:

01. A Storytellers’ Moon (intro)
02. State Of The Union Now
03. Change Is Coming
04. Starstruck
05. A Heavy Price To Pay
06. Words Fail Me
07. Forward Into The Past
08. Unresolved (instrumental)
09. The Queen Of The Moors
10. Last Summer’s Rain
11. The Measure
12. Borderline
13. A Storytellers’ Moon (outro)

Gli Skyclad sono un gruppo heavy metal britannico, considerato l’inventore del sottogenere folk metal. Il nome Skyclad deriva dal termine utilizzato per descrivere la pratica della nudità rituale diffusa nei riti wicca e pagani: i partecipanti sono metaforicamente vestiti (=clad) solo del cielo (=sky) come segno di uguaglianza. Il nome skyclad allude sia alle preferenze religiose del gruppo che alle loro vedute politiche e sociali, come è spiegato nella canzone “Skyclad” del loro primo album. La band viene fondata nel 1990 dal cantante Martin Walkyier e dal chitarrista Steve Ramsey, dopo la defezione di Walkyier dai Sabbat. L’idea era di fondare una band pagan metal (anche se all’epoca il genere che oggi si associa a quel nome ancora non esisteva). Assoldato il bassista Graeme English e il batterista Keith Baxter, firmano un contratto con la label tedesca Noise International e registrano il primo album, “The Wayward Sons of Mother Earth“, nel 1991.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.