Hardcore Superstar + Fozzy: lo show che non ti aspetti @ Orion – 12 11 2017

https://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpeghttps://www.rockbywild.it/wp-content/uploads/2017/11/hardcore_superstar_fozzy_orion_live_club_tour_2017.jpegHardcore Superstar + Fozzy: lo show che non ti aspetti @ Orion – 12 11 2017

E’ un grande show quello che ha visto esibire insieme Hardcore Superstar e Fozzy. In effetti è un po’ che non scrivo di concerti, ma riprendo con una serata strepitosa, organizzata e prodotta da quella realtà ormai consolidata, che è il Kimera Rock. Non ci si poteva quindi aspettar altro che un live di altissimo livello.

Madame Mayhem

Questa serata inizia prestissimo: alle 19:45 sale sul palco la prima band o faremo meglio a dire la prima artista, accompagnata dalla sua band. Si tratta di Madame Mayhem, cantante e compositrice di Manhattan. Il sound proposto si muove tra sfumature rock, hard rock ed alternative, mentre il look della cantante richiama quello stile gothic molto apprezzato in questo ambiente.

Per la band si tratta dalla prima volta nella città di Roma, un’ottima occasione per presentare l’album “Ready For Me“, uscito il 20 ottobre 2017.

Madame Mayhem fa subito capire di che pasta è fatta, tenendo benissimo il palco, sia per presenza scenica che per stile vocale. Sicura e precisa, la sua timbrica tra le mura dell’Orion ricorda quella della nostrana Elisa. Richiamo curioso, visto che dalle registrazioni in studio le due non hanno davvero nulla a che fare.

I brani proposti contengono il giusto mix di melodia e riff pieni di adrenalina. La band fa un eco perfetto alla performance della singer. Sebbene la set list non sia particolarmente lunga e parte del pubblico debba ancora arrivare, Madame Mayhem riesce a scaldare chi è già presente, incitandoli e conquistandoli. Siamo quindi sicuri che presto ritroveremo questa band come headliner in diversi live. Per questa sera, alle 20:10 circa lasciano il palco.

Madame Mayhem Set List

War You Started
Stand Up
Innocent
Hurt Me
All Around The World
Something Better ( Now You Know)
Monster

Madame Mayhem Line Up

Madame Mayhem ( vocals)
Billy Grey, Gogi Randhawa ( Guitars)
Percy Trayanov ( bass)
Ryan Bennett (Drums)

The Last Band

Il cambio palco ci separa dalla seconda esibizione della serata, quella dei The Last Band. Non fanno in tempo ad entrare in scena che i cinque musicisti lanciano sul pubblico tutta la loro carica hardcore/punk. Partendo subito all’attacco, spettinano il pubblico in sala con riff potenti ed un ritmo tiratissimo, intervallato da pochi e brevi intercalari melodici. Durante il loro live colpisce anche lo splendido gioco di luci gestito dalla regia.

L’esecuzione è da manuale e pur non amando particolarmente questo genere, anche io sono stata travolta dalla potenza espressa dalla band. Per altro, ascoltando i The Last Band è naturale pensare ai Rage Against The Machine, di cui non a caso viene eseguita una cover.

Con i The Last Band non si smette un attimo di fare headbanging, sopra e sotto il palco. Il singer infatti invita il pubblico ad unirsi anche alla “festa” del dopo concerto, quando sarà possibile incontrare la band al banco del merch e bere insieme tanta birra.

Durante la loro uscita, intorno alle 20:55, il pubblico applaude entusiasta, decisamente pronto anche per lo spettacolo a venire.

The Last Band Set List

Intro
Cleaning House
6 out of 7
White Powder
Bulls On Parade
So What
The Hunt

The Last Band Line up

Alex Frid – Guitar
Dennis “Pumpkin'” Andersson – Bass
Chris Blood – Vocals
Axel Snaxel Karlsson – Drums
Fredrik Eriksson – Guitar

Fozzy

Questa volta il cambio palco è lungo e laborioso, segno che l’organizzazione del gruppo  è curata nei minimi dettagli. Il pubblico intanto aumenta di numero ed inizia a posizionarsi sotto palco per essere più vicino possibile ai musicisti.

Quando si accendono le luci rossi delle sirene poste sopra gli amplificatori capiamo che ci siamo. E contemporaneamente nella sala risuonano le note di “War Pigs” (Black Sabbath), magistralmente reinterpretata da Chris Jerico. Il brano infatti fa da sottofondo all’entrata della band che senza darci il tempo di pensare, si posiziona ai rispettivi strumenti ed inizia con una tuonante “Judas“, ultimo singolo pubblicato dal combo.

Chris Jerico sul palco è scatenato e non si ferma un secondo. Con al collo la sua inseparabile sciarpa, anzi doppia sciarpa per l’occasione, e i tanti lustrini incastonati nell’abito di scena, corre qui e lì per il palco. Sarà per la forma fisica, (non dimentichiamo che essendo un wrestler Chris è uno dei più grandi atleti al mondo), sarà per la lunga esperienza come performer, fatto sta che è un vero leone sul palco ed il pubblico è in visibilio. Al termine di “Judas” infatti ha inizio un coro che accompagnerà tutta la durata dell’esibizione “Fozzy!, Fozzy!, Fozzy!”.

E’ un piacere ascoltare e vedere una band affiatata, che si diverte e per questo entra subito in empatia con il pubblico. Non mancano poi i colpi di scena, come la pistola sparafumo che Chris utilizza a tempo di musica in “Do You Wanna Start A War“. E proprio dall’album di cui quest’ultimo brano è titletrack viene estratta la cover eseguita on stage, cioè “SOS” degli Abba. Ancora, da menzionare l’utilizzo del theremin (o almeno tale sembra), da parte del chitarrista Rich Ward durante l’esecuzione di “Bad Tatoo“.

Immancabile anche qualche parola in italiano buttata qui e lì nei dialoghi del singer con il pubblico che pronuncia perfettamente un “grazie” o un “ti amo”. Inoltre tutta la band, anche senza microfono, dialoga costantemente con il pubblico, lo incita e lo carica.

Al termine del live i Fozzy, inaspettatamente, non si congedano, piuttosto sapendo già che il pubblico chiederà il bis, Chris nasconde il viso dietro un asciugamano nero per qualche secondo, in attesa di “rientrare in scena”. Ed ecco che si riparte, fino alle 22:30 circa, orario in cui i musicisti lasciano davvero il palco. E lascia anche tutti a bocca aperta.

Per la band si tratta della prima volta in assoluto a Roma e in Italia. Speriamo prima di una lunga serie visto l’apprezzamento ricevuto. Forse la vera regina di questa serata.

Fozzy Set List

Judas
Drinking With Jesus
One Crazed Anarchist
Sin And Bones
Painless
Do You Wanna Start A War
Lights Go Out
SOS
Bad Tattoo
Enemy
Sandpaper

Fozzy Line Up

Chris Jericho – Vocals
Rich Ward – Lead Guitar, Backing Vocals
Paul Di Leo – Bass
Billy Grey – Rhythm guitar
Frank Fontsere – Drums, Backing Vocals

Hardcore Superstar

Alle 23:00 di questa serata dedicata alle diverse sfumature dell’hard rock, salgono sul palco gli Hardcore Superstar. La band si dimostra subito adrenalinica ed inizia uno show che sa di party. Lo stesso chitarrista Vic Zino, nella nostra intervista (presto on line – ndr) ha definito gli Hardcore Superstar una party band e proprio così dimostrano di essere.  Snocciolano i brani in scaletta uno ad uno, “My Good Reputation“, il nuovo singolo “Have Mercy On Me“, l’irriverente “Above The Law“, “Last Call For Alcohol“, “We Don’t Celebrate Sundays“, solo per citarne alcune.

Quasi ad ogni brano assistiamo ad un cambio chitarra da parte di un Vic Zino scatenato, perfetto eco a Jocke Berg che saltella qui e lì sul palco. Fa la sua entrata in scena anche una scala, su cui il chitarrista sale più volte, per poi catapultarsi sul palco. Il singer dalla sua si mette più volte a testa in giù facendo la verticale e tutti insieme incendiando un pubblico già ampiamente caricato. Verso metà concerto i presenti iniziano anche un accenno di pogo.

Non c’è che dire, questo genere può piacere o meno, ma gli Hardcore Superstar hanno trovato la formula vincente per unire le melodie dell’hard rock alla potenza del thrash metal. E in un’epoca ormai annichilita come la nostra, c’è molto, molto bisogno di festeggiare. Quindi, lunga vita a questa già longeva band!

Non ci resta che attendere l’uscita della prossima release del gruppo, “You Can’t Kill My Rock’n’Roll“, prevista per il 2018 per continuare a divertirci al suono dello sleaze più potente.

Hardcore Superstar Set List

Beg For It
Liberation
My Good Reputation
Touch The Sky
Sensitive To The Light
Dear Old Fame
Have Mercy On Me
Above The Law
Last Call For Alcohol
Moonshine
We Don’t Celebrate Sundays

Hardcore Superstar Line up

Jocke Berg – voce
Martin Sandvick – basso
Magnus “Adde” Andreasson – batteria
Vic Zino – chitarra

Infine, rivolgo un ringraziamento personale a tutto lo staff del Kimera Rock per la splendida accoglienza!

A breve anche l’intervista con Vic Zino degli Hardcore Superstar.

Author Description

Francesca Flati

Francesca Flati

Studia da sempre il bel canto, distribuisce perle di marketing strategico, vive per la musica, è webmaster per hobby. Ama la scienza e l’arte, adora i portoni aperti e non si accontenta di percorrere una sola strada per volta, la sfida è riuscire ad essere in più posti contemporaneamente.

No comments yet.

Join the Conversation