Architects - Holy Hell - Album CoverNews 

Architects: arriva il nuovo album “Holy Hell” il 9 Novembre 2018

Holy Hell” è il titolo del nuovo album che i britannici Architects pubblicheranno il prossimo 9 novembre tramite Epitaph Records. Un’anteprima dalla release, il videoclip ufficiale del brano “Hereafter“, è ora disponibile in streaming. Il full length è inoltre il primo disco senza il chitarrista Tom Searle, fondatore della band, principale compositore e fratello gemello del batterista Dan, morto nel 2016 a causa di un tumore della pelle.

Guarda qui il video di “Hereafter

Di seguito òe parole del batterista Dan Searle:

“Durante i primi mesi successivi alla morte di Tom non mi davo pace per ciò che era accaduto ed ero molto triste e nervoso. Ho cercato di resistere a tutto ciò, ma arriva un momento in cui devi capire di dover reagire ed andare avanti. In definitiva c’erano solo due possibilità: restare tristi e credere che il mondo sia un posto terribile e lasciarsi schiacciare da esso; oppure imparare da questa tragedia a vivere come Tom avrebbe voluto che noi vivessimo. Ero molto preoccupato sul fatto che le persone potessero sminuire il senso dell’album e considerarlo una sorta di messaggio sconfortante e disperato. Ho sentito dentro di me come una responsabilità nell’indicare che c’è una luce alla fine di un tunnel per tutti coloro che hanno attraversato delle esperienze terribili e dolorose. Per me, in generale, “Holy Hell” parla di dolore. Il modo in cui lo elaboriamo, lo gestiamo e in che modo lo viviamo. C’è un valore nella sofferenza, ed è in questo modo che impariamo e maturiamo”.

Questa sarà la tracklist di “Holy Hell

01. Death Is Not Defeat
02. Hereafter
03. Mortal After All
04. Holy Hell
05. Damnation
06. Royal Beggars
07. Modern Misery
08. Dying To Heal
09. The Seventh Circle
10. Doomsday
11. A Wasted Hymn

Gli Architects sono un gruppo metalcore inglese proveniente da Brighton, Inghilterra formatosi nel 2004.
Tutti i membri della band sono vegani, essendo passati al veganismo dopo aver guardato numerosi documentari al riguardo. I membri della band sono anche aperti sostenitori della Sea Shepherd Conservation Society, con Carter che oltre ad essere sostenitore dell’organizzazione ambientalista è anche uno dei suoi ambasciatori britannici. La band ha cambiato qualche nome prima di arrivare a quello attuale. Inizialmente si chiamavano Inharmonic, successivamente cambiato in Counting the Days, infine dopo un paio di anni si è arrivato all’attuale Architects. La band ha pubblicato sette album in studio e uno split con i Dead Swans nel 2008. Il loro album di debutto “Nightmares” è stato pubblicato nel 2006 dalla At The Deep End records. Successivamente il cantante, Matt Johnson ha lasciato la band per fare spazio a Sam Carter che appare sul secondo album “Ruin” pubblicato nel 2007 dalla United By Fate Records. Nel 2009 la band pubblica “Hollow Crown” con la loro passata etichetta Century Media. Nel 2011 pubblicano il loro quarto album studio “The Here And Now“, in questo album la band mostra sonorità più vicine al post-hardcore. All’uscita l’album è stato accolto favorevolmente dalla critica.
L’anno dopo gli Architects ritornano al loro stile originale con il loro quinto album “Daybreaker“, con testi molto più politicizzati a differenza dei testi violenti e comici presenti nei lavori precedenti. Nel 2013 la band torna in studio e passa all’etichetta Epitaph Records, per poi pubblicare nel 2014 il suo sesto lavoro in studio, intitolato “Lost Forever/Lost Together“. Il 27 Maggio 2016 la band pubblica il loro settimo disco, “All Our Gods Have Abandoned Us“. Il 20 agosto 2016 il chitarrista e principale compositore, tastierista e membro fondatore Tom Searle è deceduto dopo una battaglia con il cancro durata tre anni. La band ha continuato il tour promozionale dell’ultimo album in tributo a Searle, ma ha affermato che non è ancora stato deciso se rilascerà nuovo materiale in futuro.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.