31 ottobre 1963 - nasce Mikkey DeeNews 

Mikkey Dee: il peggior concerto dei Motörhead

Il peggior concerto dei Motörhead fatto dal batterista Mikkey Dee è quello del Festival Bloodstock 2011, come dichiarato in una recente intervista rilasciata a Drum for the Song Podcast.

Di seguito il racconto di Mikkey Dee:

“Abbiamo fatto quasi 5.000 concerti assieme, quindi è difficile da dire… forse però il più memorabile è anche quello peggiore e si tratta del Bloodstock 2011. Fu assolutamente orrendo! E’ stato fantastico tornare a suonare a quel festival con gli Scorpions lo scorso anno e spaccare il culo a tutti. Ho anche detto in conferenza stampa: Posso solo scusarmi per quello che successe nel 2011.
Per farla breve, Lemmy stava male. Nulla di grave, aveva solo un raffreddore ma stava veramente male. Aveva la febbre, a malapena riusciva a parlare ed era di umore assolutamente pessimo. Mentre eravamo in auto diretti al festival, gli dissi: Lemmy, dobbiamo cancellare lo show, ma lui insistette per tenerlo comunque. Salimmo sul palco e al primo pezzo si si girò verso di me e mi disse: Mikkey, figlio di puttana mi stai uccidendo! Rallenta, cazzo!. Suonai ogni pezzo più lentamente di quanto avessi mai fatto prima.
Registrati tutto dal mixer, perchè lui a volte non si rendeva conto del tempo. Era veramente incazzato con me. Quando finimmo di suonare “Metropolis“, ricordo che Phil stava cambiando chitarra e Lemmy venne dietro alla batteria e mi gridò che lo stavo uccidendo. Io avevo un secchio di ghiaccio con un asciugamano dentro. Gli lanciai in faccia l’asciugamano col ghiaccio e tutto il resto. Gli dissi di fottersi e me ne andai dal palco verso i camerini, che erano a 200 metri di distanza. Entrai nel camerino, mi cambiai, andai in auto pronto per andarmene. Lemmy e Phil intanto continuarono a suonare “The Chase Is Better Than The Catch” e attaccarono anche il pezzo successivo. A quel punto Eddie venne da me e mi disse: Mikkey, finisci lo show. Tornai sul palco e finimmo il concerto ma fu orribile. Io continuai a lanciare bacchette e asciugamano a Lemmy durante lo show, mentre lui mi urlava dietro… terribile. Ed eravanmo anche headliner di un festival importante”.

I Motörhead si sono formati a Londra nel 1975 per iniziativa del cantante, bassista e leader storico Lemmy e scioltosi alla fine del 2015 in seguito alla sua morte. Sono ritenuti tra gli ispiratori principali di speed e thrash metal, anche se Lemmy Kilmister e i suoi compagni di band si definivano autori di brani di puro e semplice rock and roll. I temi più spesso ricorrenti nelle loro canzoni sono la guerra (intesa principalmente come lotta contro la malvagità), le sostanze stupefacenti, il sesso, il rock, l’abuso infantile e la vita “on the road“. A livello mondiale hanno venduto più di 30 milioni di dischi. I Motörhead, oltre che nell’ambiente musicale, sono molto noti anche fra i fan della World Wrestling Entertainment: hanno infatti inciso la musica d’ingresso del wrestler Triple H, grande amico di Lemmy. Nel Natale del 2000 il gruppo incise “The Game“, sigla che oggi è tra le più apprezzate del wrestling internazionale e che ha contribuito a far conoscere ancora di più la band. Oltre ad averla registrata, Kilmister e compagni l’hanno anche eseguita due volte dal vivo, nelle edizioni 17 e 21 del pay-per-view WrestleMania. Questa canzone è stata pubblicata prima nel disco “WWF The Music, Vol. 5“, e successivamente come traccia bonus nell’album “Hammered“.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.