Loudness - Rise To Glory - Album CoverNews 

loudness: online il brano “I’m Still Alive”

I’m Still Alive” è il brano disponibile online dei giapponesi Loudness. La traccia si trova in “Rise To Glory“, il loro nuovo album in uscita il prossimo 26 gennaio su earMUSIC. La nuova release uscirà in Europa con “Samsara Flight“, una raccolta di tredici classici della band ri-registrati.

Ascolta qui il brano “I’m Still Alive

Questa sarà la tracklist di “Rise To Glory”:

01. Soul On Fire
02. I’m Still Alive
03. Go For Broke
04. Until I See The Light
05. The Voice
06. Massive Tornado
07. Kama Sutra (instrumental)
08. No Limits
09. Bad Loser
10. Rise To Glory
11. Rain
12. Who And For Whom

I Loudness sono un gruppo heavy metal giapponese fondato a Osaka nel Maggio del 1981 dal chitarrista Akira Takasaki e dal batterista Munetaka Higuchi. Tra i primi gruppi giapponesi a interpretare il genere, i Loudness sono inoltre il primo gruppo proveniente dal Giappone ad acquisire notorietà all’estero, riuscendo a raggiungere la Billboard Top 100 nel loro periodo di maggior successo e a pubblicare album per un’etichetta discografica statunitense. Il gruppo nacque da una costola dei Lazy, gruppo pop rock nato nel 1973[8] e scioltosi nel febbraio del 1980. Lo scioglimento fu in particolare voluto da Takasaki (noto come Suzy[9]), Higuchi (detto Davy[9]) e dal bassista Hiroyuki Tanaka (detto Funny), insoddisfatti del genere intrapreso e decisi a sperimentare nuovi percorsi musicali, tra cui l’heavy metal, genere allora poco diffuso in Giappone, seppure in crescita. Sostituito Tanaka (entrato a far parte dei Neverland, gruppo attivo nella composizione di colonne sonore per anime) con Masayoshi Yamashita e completata la formazione con il cantante Minoru Niihara, già bassista del gruppo hard & heavy Earthshaker, i Loudness firmarono un contratto con la Nippon Columbia, per la quale pubblicarono nel novembre 1981 il loro album di debutto, intitolato “The Birthday Eve“. Nonostante la mancanza di promozione, l’album (composto perlopiù da tracce scritte da Takasaki durante il periodo di militanza con i Lazy) riscosse un buon successo grazie alla buona prestazione dei quattro musicisti, in particolare di Takasaki.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.