The JavelinsNews 

Ian Gillan & The Javelins: il brano “It’s So Easy” cover di Buddy Holly

It’s So Easy” è un brano del musicista americano Buddy Holly del 1958 e riproposta dalla “Ian Gillan & The Javelins” inserendola nel loro debut album. Si tratta della prima band di Ian Gillan, i The Javelins, con la quale, ancor prima dei Deep Purple, ha dato il via alla sua incredibile carriera. Ian Gillan ha definito questo nuovo album in studio come “una raccolta di ritmi accattivanti e stupende melodie”, i cui brani riprendono quel materiale che Gillan ed i suoi compagni di band hanno composto negli anni ’60. “Ian Gillan & The Javelins” verrà pubblicato il 31 Agosto per earMUSIC su CD digipak, 1LP gatefold (180 g, nero) e in digitale. L’album è stato registrato presso gli Chameleon Studios durante una sessione di registrazione di cinque giorni ad Amburgo, nel marzo 2018, in Germania e avrà come ospite speciale Don Airey al pianoforte.
La cover di “It’s So Easy” è ora disponibile online.

Ascolta qui la cover di “It’s So Easy

Ian Gillan, famoso cantante inglese dei Deep Purple, ha fatto parte della formazione classica e più amata della storica band inglese, la Mark II, dal 1970 al 1973, per poi tornare per la “reunion” dal 1984 al 1989 ed infine stabilmente dal 1993 in poi. Negli anni ’70, dopo essere uscito dalla band, mise insieme la Ian Gillan Band, dopo la quale formò un gruppo chiamato semplicemente Gillan, e successivamente (1983) prese il posto di Ronnie James Dio nei Black Sabbath per l’album “Born Again“. Gillan ha origini scozzesi, (il padre era originario del quartiere di Govan a Glasgow), ed ha frequentato la stessa scuola in cui ha studiato Pete Townshend degli Who.
Per sua stessa ammissione, è molto affezionato a “Child in Time” (canzone di “In Rock“, che ha reso famose le sue “urla”), tanto da farne una versione jazz nel suo primo album solista e far promettere a Glenn Hughes, (bassista dei Deep Purple arrivato in sostituzione di Roger Glover), che era la voce più acuta del duo formato con David Coverdale, di non riprodurre mai la canzone dal vivo. La promessa non è mai stata infranta. Appassionato di calcio, Gillan è tifoso del Queen’s Park Rangers F.C.. Il 6 marzo 2008 esce l’album “One Eye To Morocco” su etichetta earMUSIC/edel. Il disco è stato composto insieme al collaboratore di vecchia data Steve Morris e mostra, oltre al lato più rock per cui Gillan è famoso, influenze soul e R&B. E’stato impegnato in un progetto musicale di beneficenza denominato “Who Cares”, nel quale compaiono tra gli altri anche Toni Iommi, Nicko McBrain e Jon Lord. Con il gruppo sono stati pubblicati due singoli, “Out of My Mind” e “Holy Water“, finalizzati ad aiutare una scuola di musica in Armenia, che Gillan aveva, insieme a Iommi, contribuito a costruire anni prima. Da qualche anno si esibisce con orchestre filarmoniche locali, rispolverando vecchi e nuovi classici dei Deep riarrangiati, ma anche i brani del suo ultimo album.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.