24 giugno 1944 - nasce Jeff BeckNews 

Jeff Beck: morto il leggendario chitarrista inglese

Jeff Beck, il leggendario chitarrista inglese, è morto per meningite batterica il 10 gennaio a 78 anni. Dagli anni Sessanta in poi, prima con gli Yardbirds e poi nei suoi numerosi dischi da solista, si distingueva sempre per virtuosismo e originalità. Suonò blues, rock, jazz, ottenendo alcuni grandi successi commerciali come nel caso di “Blow by Blow” del 1975 e collaborando con alcuni dei più grandi cantanti e musicisti del Novecento, da Herbie Hancock a Kate Bush. Famosa è ancher la sua band, chiamata Jeff Beck Group. completata da Rod Stewart alla voce, Ron Wood al basso, Nicky Hopkins al pianoforte e Mick Waller alla batteria. Il gruppo incise due album: “Truth” (1968) e “Beck-Ola” (1969). E’ stato anche membro della Rock and Roll Hall of Fame. L’edizione americana di Rolling Stone lo ha inserito nella classifica dei cento chitarristi più grandi di tutti i tempi, in cui figura al quinto posto. Di recente aveva realizzato, insieme a Johnny Depp, l’album “18“.

Jeff Beck è uno dei più influenti chitarristi rock degli anni sessanta e settanta, nonché fra i più importanti per l’evoluzione della chitarra moderna, contribuendo alla definizione di questo strumento in un vasto spettro di generi, che include blues rock, heavy metal, fusion e hard rock. La rivista Rolling Stone lo ha inserito al quinto posto dei chitarristi più bravi di tutti i tempi. La sua prima registrazione come chitarrista risale al 1964 per l’etichetta Parlophone che, nello stesso anno, pubblicò il singolo del gruppo The Fitz and Startz intitolato “I’m Not Running Away“, che vedeva “So Sweet” sul lato B.
Attualmente Beck suona una chitarra Stratocaster realizzata da Fender su sue specifiche, le cui caratteristiche peculiari sono: il “roller nut”, un particolare capotasto dotato di sfere che agevolano lo scivolamento delle corde, e le meccaniche autobloccanti della Schaller, la cui combinazione permette di mantenere accurata l’accordatura anche a seguito di un uso drastico della leva del vibrato, (tecnica in cui Jeff è tuttora considerato un maestro); il ponte a due viti, che permette una migliore escursione della leva; un manico (acero/palissandro) realizzato con un profilo esclusivo e, soprattutto, i pick-up Fender Hot Noiseless realizzati su sue specifiche, dotati di una pasta sonora più calda rispetto ai Noiseless che Fender usava sui suoi modelli deluxe prima del 2010, (nel corso della sua carriera Beck ha sviluppato diversi pick-up per chitarra elettrica, alcuni dei quali godono tuttora di grande popolarità fra i chitarristi rock, come ad esempio il “JB” realizzato per Seymour Duncan).

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.