Jennifer Batten + Twin Dragons @ Traffic - 19 11 2013Live Report Internazionali 

Jennifer Batten: virtuosismi e riff funambolici @ Traffic

Vi ricordate il detto “sposa bagnata sposa fortunata”? Credo che per i concerti non sia proprio lo stesso e per fortuna il super live di Jennifer Batten e i Twin Dragon, con Pino Scotto special guest, era al chiuso!

Sarà stato il mal tempo, il giorno infrasettimanale che forse non invoglia molto o gli appelli della protezione civile che dicevano di non uscire…. fatto sta che il pubblico presente al Traffic era veramente scarso. Ormai ci rinuncio, cari “metal kids”, a lanciare appeli su appelli per convincervi a venire a serate imperdibili come questa… ma… bando alle ciance e partiamo col report dei 2 live!

Ad aprire le danze, con mio stupore, è la fantastica Jennifer Batten che non ha certo bisogno di presentazioni. Ero convinto sarebbe stata l’ultima a salire sul palco, vista la caratura del personaggio. Strepitosa e virtuosa delle sei corde, delizia i pochi presenti con 45 minuti di musica suonata divinamente, impreziosita da virtuosismi e riff funambolici. Nessuna sbavatura, tanta passione e sopratutto tanto divertimento per lei e per il pubblico.
Nella set list ci sono i brani più classici, come quelli risalenti al periodo in cui suonava con Michael Jakson: “Black or Withe” , “Wanna Be Startin Somethin“, “Thriller”… solo per citarne alcuni, ma ci incanta anche con pezzi estratti dai lavori solisti come “Cat Fight” , “Secret Lover” , “Voo Doo” o la sua celeberrima versine di “Flight Of the Bumble Bee”, composta in origine da Rimsky Korsakov. Nella scaletta trova posto anche una cover dei Nirvana, “Smells Like Spirit”, sapientemente arrangiata, tanto da farmi dire: “cavolo, è riuscita a farmi piacere i Nirvana!”.
Durante i 45 muniti del suo live, ad accompagnare la sua splendida musica, scorrevano immagini e video montati dalla stessa Batten per descrivere ogni volta il brano eseguito.

Dopo un breve cambio palco ecco arrivare Nathaniel Peterson , Fulvio Feliciano , Mike Terrana… ops, magari fosse stata questa formazione! Niente Mike, sostituito comunque da un ottimo batterista, giovane e sopratutto italiano.
I Twin Dragons credo non abbiano bisogno di essere presentati ai lettori di Rome by Wild, ottimi conoscitori del rock, ma per quei pochi che ancora non li hanno messi a fuoco, sono una band formata nel 2002 da Nathaniel Peterson, dalle potenti tinte heavy/rock/blues.
Il trio invade e pervade il locale con un suond accattivante e dirompente, presentando grandi classici come “Stand by Me” e ”Sitting on the dock of the bay” di Otis Redding, per passare poi a brani della band stessa. Tra un brano e l’altro, il carismatico Nathaniel Peterson racconta aneddoti sulle canzoni che sta per suonare e spiega che lui è contro i governi che ci usano e sfruttano. Proprio a questo proposito canta “Don’t Kiss my Lips but Kiss my Ass”.
Verso metà concerto il sostituto di Myke Terrana si cimenta in un drum solo di ottimo livello, mettendo in mostra tutta la sua tecnica, con grande apprezzamento del pubblico. Poi, nella seconda parte del live sale sul palco la guest star: Pino Scotto che propone, assieme al trio, diverse cover magistramente suonate e, un po’ meno magistramente, cantate, visto che ormai il buon Pino non ha più la voce di una volta.
Come sempre tra un brano e l’altro inveisce contro i vari X Factor e la politica, proponendo di nuovo “Don’t Kiss my Lips but Kiss my Ass”, questa volta cambiando il testo, per inserire frasi italiane qui e lì nei ritornelli: “baciate il culo politici”, “Vasco Rossi e Ligabue baciatemi il culo”.

Per i pochi presenti il live giunge velocemente al termine, purtroppo.
Un grazie va sicuramente agli organizzatori che nonostante tutto cercano sempre di portare musica e musicisti di livello nella capitale e al Traffic che si presta per serate straordinarie come queste.
Infine credo sia d’obbligo un grazie anche a chi è venuto a sentire e a godere della musica, nonostante tutto e tutti!!!

Galleria Fotografica a cura di Rodolfo Baroni

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.