Judas Priest - Judas Priest 50 Heavy Metal Years - Book CoverNews 

Judas Priest: il libro ‘Judas Priest – 50 Heavy Metal Years’ sarà disponibile ai preordini dall’11 settembre 2020

Judas Priest – 50 Heavy Metal Years‘ è il primo libro ufficiale dei Judas Priest che sarà pubblicato dalla Rufus Publications. E’ stato realizzato da David Silver, Ross Halfin e Jayne Andrews e composto da 648 pagine, il libro documenta la storia della band negli ultimi cinquant’anni e contiene centinaia di fotografie inedite scattate dai più grandi fotografi del rock tra cui Halfin, Neil Zlozower, Mark Weiss, Fin Costello e molti altri.

Il libro, presenta una copertina esclusiva di Mark Wilkinson, che lavora con la band da molti anni e sarà disponibile ai preordini dal prossimo 11 settembre in quattro diverse edizioni:

The Standard Edition: libro in 12″ da 648 pagine, stampato su carta patinata e custodia in stoffa con pellicola rossa

The Deluxe Edition: 500 copie numerate, in 12″, rilegate in pelle nera con copertina lenticolare, lamina d’oro e un esclusivo poster pieghevole. Ogni copia è firmata personalmente da Rob Halford, Glenn Tipton, Ian Hill, Richie Faulkner e Scott Travis

The Glenn Tipton Parkinson’s Foundation Charity Edition : 100 copie numerate, in 12″, con copertina blu e custodia in stoffa. Ogni copia è firmata personalmente da Rob Halford, Glenn Tipton, Ian Hill, Richie Faulkner e Scott Travis. Tutti i proventi di questa edizione andranno alla Glenn Tipton Parkinson’s Foundation.

The Epic Leather and Metal Edition: 100 copie numerate, in 16″ e rilegate in lussuosa pelle nera imbottita con copertina lenticolare, lamina d’oro e un esclusivo poster pieghevole. Il libro viene fornito in una custodia di metallo nero fustellato. Ogni copia è firmata personalmente da Rob Halford, Glenn Tipton, Ian Hill, Richie Faulkner e Scott Travis.

I Judas Priest sono considerati tra i massimi esponenti del genere heavy metal e moltissimi gruppi li hanno considerati importanti per la loro musica, assimilandone lo stile e le ritmiche. Nell’arco della loro carriera, hanno venduto oltre 50 milioni di copie in tutto il mondo e sono stati definiti “Metal Gods” (Dei del Metal). I Judas Priest furono una delle prime band heavy metal ad utilizzare la doppia chitarra, con il duo formato da K.K. Downing e Glenn Tipton strutturato con assoli di ispirazione classica per Tipton ed assoli più aggressivi per Downing. A questo combinarono lo stile vocale unico e particolare di Rob Halford, molto acuto e potente che si sviluppava su quattro ottave. La band ha spesso suonato in maniera molto più veloce rispetto ad altri gruppi contemporanei ed ha introdotto un suono più pesante soprattutto per le chitarre. I brani di questi tre lavori variavano molto tra melodie semplici e dirette e materiale abbastanza strutturato, passando da ritmi veloci e potenti a ritmi più lenti e morbidi (ad esempio “Victim of Changes“). Alcune canzoni, come ad esempio “Exciter“, erano pezzi rivoluzionari per la loro ferocia e velocità, mentre altri, come “Dissident Aggressor” o “Sinner“, sono considerate come due delle canzoni più pesanti del loro tempo, e oggi sono considerati come classici del metal. I Judas Priest hanno avuto grande influenza su molte band heavy metal, sono stati tra i fondatori del movimento NWOBHM ed hanno influenzato la maggior parte delle band thrash metal della fine degli anni ’80 in termini di suono e tecnica. Il loro sound è stato descritto come “una fusione tra la pesantezza dei Black Sabbath e la raffinatezza dei Deep Purple, con anche un tocco di Led Zeppelin.”
MTV.com li ha infatti valutati come la seconda più importante band heavy metal della storia, dopo i Black Sabbath.
Nei primi anni ’70, la band rimosse la maggior parte degli elementi blues dal proprio stile, cosa che invece le prime band heavy metal avevano portato con sé dalla musica rock. Oltre che per il loro sound, i Judas Priest, erano anche conosciuti per aver rivoluzionato la moda metal. Rob Halford incorporò intorno al 1978 lo stile di abbigliamento dei centauri (in contemporanea con l’uscita di “Killing Machine“), rapidamente seguito dal resto della band. Questa tendenza si diffuse molto rapidamente, influenzando i Saxon, gli Iron Maiden con il cantante Paul Di’Anno che iniziò ad indossare giacche di pelle e bracciali con borchie e molti altri gruppi all’interno della corrente della NWOBHM. I Judas Priest hanno avuto una grandissima influenza sull’ambiente dell’heavy metal, e molte altre band decisero di registrare cover di loro pezzi. Infatti, è uno dei gruppi che ha ricevuto più album tributo.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.