TotoNews 

Toto: la fine della band è vicina

La fine della band Toto è vicina! Secondo quanto dichiarato dal chitarrista Steve Lukather a The Morning Call, la formazione attuale con lui, Steve Porcaro, David Paich e Joseph Williams si scioglierà il 20 ottobre alla fine del tour per il loro quarantennale.

Di seguito le parole di Steve Lukather:

“Non so cosa succederà in futuro ma so che il 20 ottobre a Philadelphia terremo l’ultimo show con questa formazione. Non so cosa succederà successivamente ma so che è la fine di questa configurazione della band. Dobbiamo prendere una pausa, fermarci, guarire dalle botte prese e vedere come va. La musica c’è sempre e non voglio dire che non la suonerò più, sarebbe stupido dirlo e sarebbe una bugia. Posso suonare tutto quello che voglio da tutta la mia carriera e lo stesso possono fare gli altri. Abbiamo lavorato molto duramente per gli ultimi 10 anni e abbiamo tenuto più tour che mai. Stiamo anche suonando meglio che mai e questo è ironico… quando saliamo sul palco è come se fossimo ancora ragazzini e diamo tutto quello che possiamo. Questo ci mantiene giovani e io sto meglio di quando avevo 40 anni. Fisicamente e dal punto di vista della performance la band è maturata. Io mi diverto molto a suonare. Per come la vedo io, non veniamo pagati per le 2 ore e passa che passiamo sul palco ma per le 20 ore e passa che stiamo in quella piccola prigione che si chiama camera di hotel. Sono stato in tour tutta la vita”.

I Toto sono una rock band statunitense formata a Los Angeles nel 1976 da alcuni dei più famosi ed esperti musicisti dell’epoca. Definiti da Eddie Van Halen come collettivamente i migliori musicisti sul pianeta, i musicisti dei Toto sono famosi non solo per le capacità tecniche in studio ma anche per uno stile musicale che combina elementi provenienti dalla musica rock, in particolare progressive rock, hard rock, con pop, soul, funk, R&B e jazz, che li rende apprezzati da una grande varietà di pubblico. La scelta del nome della band deriva dal batterista Jeff Porcaro, che al momento della registrazione delle prime demo aveva appena visto il film Il mago di Oz, in cui il cane di Dorothy, la protagonista del film, si chiama Toto. Toto, dunque, venne utilizzato da Jeff Porcaro per personalizzare le prime cassette-demo registrate in studio. Solo successivamente il nome divenne definitivo: fu David Hungate, bassista della band, a far notare che in latino la parola toto significa “totale”, “che comprende tutto”. Toto venne così ritenuto il nome ideale per identificare il repertorio musicale della band che nella sua carriera avrebbe abbracciato a 360 gradi tutti i generi. Nel settembre del 1978 il complesso debuttò con l’album omonimo, contenente il singolo “Hold the Line“, che riuscì rapidamente a scalare le classifiche. La band venne acclamata a livello internazionale e ottenne una nomination per i Grammy Awards nella categoria “Best new artist“. Al singolo “Hold the Line” seguirono “I’ll Supply the Love“, “Georgy Porgy” e “Rockmaker“. Poco dopo, all’inizio del 1979, i Toto iniziarono il loro primo tour americano in supporto all’album di debutto. In più di 35 anni di carriera hanno pubblicato 28 album e venduto complessivamente più di 40 milioni di dischi.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.