All Star Metal for Kids United @ Crossroads - 13 02 2016Live Report Live Report Internazionali 

Metal for Kids United: il Rock suona, i Bambini Vincono @ CROSSroads – 13 02 2016

Metal for Kids UnitedAll Star Charity Jam è il nome completo del grande e importante evento di beneficenza a suon di metallo tenutosi al Crossroads, sabato 13 febbraio.

Mentre tutta l’Italia, guarda la finale di Sanremo con ospiti super pagati (tra l’altro da noi), al Crossroads la serata è all’insegna della beneficenza. Il metal, romano e non, va in scena grazie all’instancabile organizzatore Fabrizio Troiano, in arte Faber Troy, ideatore di un evento nuovo che è riuscito a mettere insieme musicisti di Roma, Pisa, Livorno, Alessandria… fino ad arrivare in California e addirittura San Paolo du Brasil!
La causa è tanto nobile quanto lo è la passione verso la musica di tutte queste band, infatti il ricavato sarà devoluto al Centro Assistenza per bambini sordi e sordociechi Onlus. Chi sentenziava che delle band metal non potessero avere questi intenti ha dovuto ricredersi: sul palco c’è un clima di festa e di grande fomento all’arrivo di ogni band annunciata dal presentatore Enrico ERK Scutti. I gruppi si alternano in varie ospitate eccezionali, la qualità non manca davvero.

Timestorm

Tocca ai romani Timestorm, gruppo del fondatore dell’evento, il chitarrista Fabrizio Troiani, l’arduo e doveroso compito di aprire e presentare la serata e preparare, per così dire, l’ambiente… e lo fanno a pieni voti.
Con Pierpaolo Calore alla voce, Paolo Migliaccio al basso, Giuseppe Longo alla chitarra e Gianluca Maccarone alla batteria ci propongono i seguenti pezzi:
1-Catharsis
2-Labyrinth of Dreams
3-Genesis
4-Lost in the Net

Metal for Kids United – Sailing To Nowhere

La serata prosegue con un’altra bella band romana: i Sailing To Nowhere con ospite Terence Holler degli Eldrich nel pezzo “Strange Dimension“.
Belli, colorati e pimpanti: alla voce Marco Palazzi e Federica Garenna, Andrea Lanzillo alla chitarra,
Valentina De Iuliis alle tastiere, Carlo Cruciani al basso e Giovanni Noè alla batteria ci presentano i seguenti pezzi:
1-No Dreams in My Night
2-Big Fire
3-Strange Dimension (guest Terence Holler)
4-Sailing to Nowhere.

Metal for Kids United – Secret Sphere + Eldritch

La terza band annunciata dal presentatore è quella dei Secret Sphere: con il loro ex vocalist Rob Messina, ora cantante dei Physical Noise, alla chitarra il mitico Aldo Lo Nobile che si alternerà con un altro ospite d’eccezione, Leonardo Porcheddu (un’ovazione per lui da parte del pubblico), Enrico Sandri al basso, David Folchitto alla batteria, (che non ha davvero bisogno di presentazioni), e Alessio Lucatti alle tastiere (dei Vision Divine).
I loro sound è molto più duro e deciso. I pezzi presentati sono:
1-Age of Wizard
2-Recall of the Valkyrie.

Mentre alcuni componenti restano: Enrico Sandri, Alessio Lucatti e Leonardo Porcheddu, si aggiungono Terence Holler alla voce e Alessandro Bissa alla batteria (membro dei Vision Divine). Ci propongono i brani:
1-Bleed Mask Bleed
2-No Direction Home.

Metal for Kids United – Labyirinth

Va in scena il quinto gruppo: i Labyrinth. Il vocalist è il grande Fabio Lione che con la sua voce infiamma il locale.
Alla chitarra c’è il bravissimo Andrea Cantarelli assieme a Leonardo Porcheddu (che coppia… quanta qualità), Sergio Pagnacco al basso e l’onnipresente Alessio Lucatti alle tastiere. I ragazzi ci presentano due pezzi:
1-Piece of time
2-In the shade.

Metal for Kids United – Vision Divine

Cambio di musicisti sul palco per formare i Vision Divine, altro gruppo di Fabio Lione. Andrea Torricini al basso, Federico Puleri alla chitarra, Alessandro Bissa alla batteria. Presentano i pezzi:
1-Taste Of A Goodbye
2-Send me an Angel

Brian O’Connor (Vicious Rumors)

Si prosegue la serata con un ospite proveniente dalla California, Brian O’Connor dei Vicious Rumors. Energia pura all’ennesima potenza!
Spero che dai miei scatti si evinca tutto questo! Un personaggio che ci infonde davvero tanta carica esplosiva.
David Folchitto alla batteria, Leonardo Porcheddu alla chitarra, Carlo Fantoni al basso e Fabrizio Troiano alla chitarra. (che band! – ndr)
I pezzi presentati sono:
1-Digital Dictator
2-You Only Live Twice
3-Don’t Wait for Me
4-Down to the Temple.

Metal for Kids United – Edu Falaschi

Arriva l’ultimo “ospitone” della serata,viene dal Brasile, San Paolo: è il turno di Edu Falaschi, accompagnato dal Maestro Mistheria che ci ipnotizza con il repertorio del suo ex gruppo degli Angra (ora vocalist degli Almah).
I pezzi presentati sono:
1-Millenium Sun
2-Heroes of Sand
3-Bleeding Heart
4-Rebirth
5-Nova Era

Metal for Kids United – Gifts and Jam

Arriva il momento della premiazione, ovvero, il momento culminante della serata in cui “il nostro” (perché è già un mito per tutti noi, per quello che ha messo in piedi) Faber Troy consegna l’assegno dell’incasso della serata alla Dott.ssa Giusy Caravello dell’associazione Centro Assistenza per bambini sordi e sordociechi Onlus.
Il momento è davvero elettrizzante! Il rock ha vinto! Tutti con il “Love” in alto, il simbolo del puro metal (questa volta quanto mai appropriato), compresa la dottoressa!

La serata termina con una sfliza di cover stratosferiche che davvero hanno fatto la storia… forse troppi pezzi degli Iron Maiden, (non abbiamo niente conto i Maiden, sia chiaro – ndr) addirittura tre, forse chi li ha scelti ne è un grande fan.
I musicisti si alternano nei vari brani; è bellissimo. Il pubblico si entusiasma parecchio all’interpretazione di “Enter Sandman” dei Metallica da parte di Edu Falaschi e Terence Holler, nonchè degli altri pezzi tratti dalle discografie di Deep Purple, Queensryche, Pantera, Stratovarius… e non si poteva concludere la serata senza un pezzone degli AC/DC, appunto “Highway To Hell” dove tutti, ma proprio tutti, salgono sul palco a cantare, persino il simpatico presentatore Enrico ERK Scutti che per tutta la serata, quasi ad ogni band annunciata, ci ha ricordato i famosi “Nani” di Richard Benson.

Che serata, che clima, che festa, mi sono davvero divertita ad assistere dal mio obiettivo a tutto questo. Spero abbia un continuo. Magari per il prossimo anno. Sono sicura che tanti romani preferirebbero assistere a questi eventi di qualità e di beneficienza invece di stare a guardare ospitate milionarie in tv, pagate da cittadini italiani!
Chiedo venia se ho dimenticato di citare qualche musicista, perdonatemi siete stati tutti eccezionali!
Sono rimasta sbalordita da ciò che può offire la mia città, queste 5 ore di maratona musicale al Crossroads di Roma non si dimenticheranno facilmente!!!

Metal for Kids United: All Star Charity Jam – Full Line Up

VOCI
Edu Falaschi – Almah, ex Angra
Brian O’Connor – ex Vicious Rumors, Consfearacy (GER), Deadlands (USA)
Fabio Lione – Rhapsody of Fire, Angra, Vision Divine, ex Labryrinth
Terence Holler – Eldritch
Rob Messina – ex Secret Sphere, Physical Noise
Titta Tani – Astral Domine, ex DGM, ex ASTRA, Claudio Simonetti’s Goblin

CHITARRE
Andrea Cantarelli – Labyrinth, A Perfect Day
Aldo Lo Nobile – Secret Sphere, Death SS
Federico Puleri – Vision Divine
Leonardo Porcheddu – solo guitarist e studio/live sessionist per Chris Catena, Vitalij Kuprij, John Macaluso, Mistheria

TASTIERE
Maestro Mistheria – Vivaldi Metal Project, Bruce Dickinson, Rob Rock, Mistheria, live session per Neil Zaza, Tony MacAlpine & Virgil Donati
Alessio Lucatti – Vision Divine, live session per Angra e Labyrinth, Etherna, Deathless legacy

BASSI ELETTRICI
Sergio Pagnacco – Labyrinth, Vanexa
Carlo Fantoni – Windrow, Universi Paralleli

BATTERIA
David Folchitto (drums) – Stormlord, Screeming Banshee, session per Nerodia e Prophilax
Alessandro Bissa (drums) – Vision Divine, Labryrinth, A Perfect Day, Sound storm
Titta Tani – Claudio Simonetti’s Goblin, Edu Falaschi Solo band

Gallerie Fotografiche a cura di Daniela Bannino

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.