Clutch - Monsters Machines And Mythological Beasts - Album CoverNews 

Clutch: la nuova compilation “Monsters, Machines, and Mythological Beasts” in formato digitale

Monsters, Machines, and Mythological Beasts” è il titolo della compilation in formato digitale della band stoner rock statunitense Clutch. Si tratta di canzoni tratte dai seguenti album: “Robot Hive / Exodus“, “Book of Bad Decisions“, “Pitchfork & Lost Needles“, “Earth Rocker“, “Strange Cousins ​​from The West“, “Live at the 9:30“, “Psychic Warfare” e “Jam Room“.

Di seguito il commento cantante e chitarrista della band Neil Fallon:

“Molte canzoni dei Clutch sono ispirate o fanno riferimento a mostri, macchine e bestie mitologiche. Questo perché i miei genitori non mi hanno mai permesso di portare una copia della rivista Heavy Metal nella loro casa. Ma avevo escogitato alcune soluzioni alternative per poterlo fare”.

“Monsters, Machines, and Mythological Beasts” è disponibile qui -> link

Questa è la tracklist di “Monsters, Machines, and Mythological Beasts”:

1.10001110101
2.Ghoul Wrangler
3.What Would A Wookie Do?
4.Cyborg Bette
5.Minotaur
6.The Wolf Man Kindly Requests…
7.Droid
8.Behold the Colossus
9.Sleestak Lightning
10.Release the Kraken (Jr Version)

I Clutch (originariamente chiamati Guilt Trip e derivanti dai Moral Minority) si formarono a Germantown, Maryland, nel 1990; la primissima formazione comprendeva Jean-Paul Gaster (batteria), Tim Sult (chitarra) e Roger Smalls (voce). Smalls lasciò presto il progetto e fu sostituito da Neil Fallon, già amico degli altri componenti del gruppo fin dalle scuole superiori. La band acquisì notorietà grazie alle numerose e costanti esibizioni dal vivo. La loro prima produzione a fini commerciali fu il singolo “Passive Restraints” (per la Earache), che attirò l’attenzione di altre case discografiche. Il loro LP di debutto, “Transnational Speedway League“, fu pubblicato nel 1993. Ad oggi la band ha composto undici album in studio, oltre a numerosi live e raccolte di inediti, e possiede anche una propria casa discografica, la Weathermaker. “Psychic Warfare” è infatti il loro undicesimo album in studio pubblicato il 2 ottobre 2015 e prodotto dalla già citata casa discografica di proprietà del gruppo, Weathermaker. l’album rappresenta il miglior successo di critica e di vendita nei primi sette giorni del gruppo.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.