Mortiis - The Great Deceiver - Album CoverNews 

Mortiis: il video di “Demons are Back”

Mortiis ha pubblicato il video i “Demons are Back“, nuova anteprima dell’album “The Great Deceiver“. Grazie al suo ritornello orecchiabile “Demons are Back” è un perfetto esempio di tale accessibilità. E’ una canzone conflittuale, ma al tempo stesso terapeutica”.

Guarda qui “Demons are Back“:

Demons are Back” – il commento di Mortiis

Rabbia, risentimento… odio tutti. Queste sensazioni sono come onde. Nei momenti belli sono lontane, ma di tanto in tanto si avvicinano prepotentemente gridando “Odio tutti”. C’è una linea sottile tra l’essere in sintonia col mondo e il voler annichilire tutti.

Il video utilizza scene del film di Charlie Deaux Zoetrope, basato su “Nella Colonia Penale” di Franz Kafka. Su suggerimento di Deaux, che aveva già collaborato con Mortiis per il video di “The Grudge“, la band ha girato ulteriori scene a Oslo che sono poi state montate con quelle del film.

Mortiis in precedenza ha già offerto un’anteprima del nuovo materiale attraverso due video e il download gratuito delle canzoni “Doppleganger” e “The Shining Lamp of God“.

La nascita di “The Great Deceiver” è stata lunga e tortuosa ed ha quasi ucciso la band.
Mortiis dichiara:

Poiché è importante per me e per quello che sono diventato, non riesco a pensare ad esso se non come un modo per lasciarmi alle spalle certe cose prima di perdere completamente il senno.

Pieno di tematiche come l’odio, l’avidità, la confusione, il dubbio e la riscoperta, “The Great Deceiver” è senza dubbio il disco più maturo della carriera di Mortiis, maturità che è costata al Nostro un prezzo molto alto dal punto di vista mentale:

Quando abbiamo iniziato a parlare del nuovo disco eravamo una band, avevamo due management, contratti per il merchandise e non era difficile fare tour. Durante il processo compositivo abbiamo perduto quasi tutte le connessioni che avevamo e alcuni membri del gruppo se ne sono andati.
Sono stato accusato di essere molte cose: un egocentrico, un manipolatore, una persona instabile, una testa calda, un paranoico, e così via. La maggior parte delle persone che hanno trascorso del tempo con me hanno qualcosa da dire sul mio conto e hanno ragione. Ma è il prezzo da pagare per essere così appassionato.

The Great Deceiver” ha le proprie fondamenta sul passato di Mortiis, ovvero il metal e l’industrial, cui si aggiungono chitarre aggressive d’impronta crossover metal e elettronica industrial. Al di là dei generi, “The Great Deceiver” è il disco più accessibile che Mortiis abbia mai realizzato.

Mortiis su Facebook

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.