Overkill “Grinding Wheel”: il nuovo album in uscita il19 Febbraio 2017

OverkillGrinding Wheel“.
Gli Overkill hanno annunciato l’uscita del loro diciottesimo album, che si intitolerà “The Grinding Wheel“, il prossimo 19 Febbraio per Nuclear Blast. Il disco è stato prodotto dalla band stessa e mixato da Andy Sneap (Testament, Exodus, Accept), mentre l’artwork è opera di Travis Smith (Nevermore, Opeth, Soilwork, Death).

Di seguito le parole del cantante Bobby “Blitz” Ellsworth:

“Alla fine, gli Overkill sono gli Overkill. Il nostro marchio di fabbrica è che siamo riconoscibili in ogni disco. Siamo in giro da trent’anni e siamo sempre gli Overkill. Quindi, certo, è un album metal che, come sempre, contiene anche una vena thrash e alcune melodie”.

Questa è la tracklist di “The Grinding Wheel”:

01. Mean Green Killing Machine
02. Goddamn Trouble
03. Our Finest Hour
04. Shine On
05. The Long Road
06. Lets All Go To Hades
07. Come Heavy
08. Red White And Blue
09. The Wheel
10. The Grinding Wheel

Gli Overkill si sono formati nel 1980 a New Jersey per opera del bassista D.D. Verni e del batterista Rat Skates.
La band, molto attiva discograficamente sin dal 1984, divenne rapidamente uno dei gruppi più rappresentativi della scena thrash metal del periodo. Tra la fine degli anni ottanta e i primi anni novanta trovarono il loro maggior successo con album come “The Years of Decay” e “Horrorscope“.
La band ha anche una mascotte chiamata Chaly, un teschio minaccioso con ali ossute di pipistrello.
È passata attraverso molte modifiche di formazione con Bobby “Blitz” Ellsworth e D.D. Verni come membri fissi. Insieme agli Anthrax è una delle band thrash metal più famose della costa orientale degli Stati Uniti.

Nel 1984, il gruppo pubblicò il demo “Power in Black“, che ebbe un impatto analogo a quello di altri gruppi nascenti dell’area thrash come Exodus e Testament.
Power in Black” permise alla band di pubblicare due brani in due compilation: “Feel The Fire” fu inclusa in “New York Metal ’84” e “Death Rider” apparì nel quinto volume della serie “Metal Massacre“. La band riuscì anche ad assicurarsi un piccolo contratto con la Azara/Metal Storm Recording che pubblicò nel 1984 l’EP “Overkill“, che fu presto esaurito, lanciando immediatamente la band in prima linea nel giovane movimento thrash metal. Sebbene si dica che la band non abbia mai visto un soldo ricavato dalla pubblicazione del loro primo EP, “Overkill” attirò l’attenzione di John Zazula, il possessore della Megaforce Records, una tra le più grandi e indipendenti case discografiche heavy metal del tempo. La Megaforce firmò con gli Overkill un nuovo contratto discografico e pubblicò, nel 1985, il loro primo album “Feel the Fire“. Acclamato da molti critici e dai fan come un capolavoro del thrash metal, l’album cementò la posizione della band tra i leader del movimento.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.