EODM (Eagle Of Death Metal)Recensioni Recensioni Internazionali 

Recensione di Eagles Of Death Metal – “Zipper Down”

Quarto album in studio per i californiani Eagles Of Death Metal, band garage/desert rock.
Esatto, non sono mai andati in tour con I Cannibal Corpse o aperto ai Dark Tranquillity, fanno rock n’ roll, e di qualità oserei aggiungere.
Si perché il sottoscritto è un fan sfegatato della band capitanata da Jesse Hughes e Josh Homme (fondatore dei Kyuss e membro delle band Queens Of The Stone Age e Them Crooked Voltures).
Il loro è un rock senza pretese, dal sapore vintage e caldo, essenziale. In un mondo, quello musicale, dove ormai eyeliner e scope a saggina al posto dei capelli fanno da padroni insieme al digitale, all’uso sfrenato di Melodyne, Autotune e banali basi preconfezionate, sentire il sapore e l’odore della sabbia quando parte un album è come vedere Stallone e Kurt Russell girare un improbabile Tango & Cash 2. Fomento totale assicurato.
Ma passiamo all’album…

Eodm - "Zipper Down" Cover“Zipper Down” ha sicuramente i riflettori puntati addosso dopo che la band ha scritto un capolavoro come “Death By Sexy” (album del 2006).
La prima song è “Complexity“, che insieme a “Oh Girl” e “I Love You All The Time” sono state nuovamente registrate dopo essere apparse sul disco solista di Hughes, sotto lo pseudonimo Boots Electric, nel 2011.
Complexity” è eccezionale, semplice ed eccezionale. Un disco che parte in questo modo ha tutta la mia attenzione.
Il disco scorre che è una meraviglia, “Silverlake“, “Got a Woman“, le sopra citate, “Got The Power“, “Skin Tight Boogie” e “The Deuce“, sono tutti brani di valore. Ripeto, semplici, essenziali e nonostante tutto, immediatamente riconducibili alla band.
La voglia di Route 66 e Harley Davidson è sempre più forte.
Ma passiamo alla chicca totale, all’idea geniale, per dirla alla Jim Carrey (o alla Tonino Accolla), al pezzo che fa raggiungere l’entità toto-super-galattica. La cover di “Save a Prayer” dei Duran Duran. My God!, che darei per un flusso canalizzatore funzionante. La magia del brano originale non viene mai a mancare e l’arrangiamento rusty rock è semplicemente perfetto.
Chiude l’album la songThe reverend“, in puro stile EODM.

Voto per questo album? Beh, immenso. C’è bisogno di rock n’ roll sporco, grasso, polveroso, che non si prenda troppo sul serio e che tenga sempre, chiaramente, la zip aperta!

Eagles Of Death Metal – “Zipper Down”

Band: Eagles Of Death Metal
Album: “Zipper Down”
Release Date: 2 ottobre 2015
Label: T-Boy/Universal Music

Tracklist

1. Complexity
2. Silverlake (K.S.O.F.M.)
3. Got A Woman
4. I Love You All The Time
5. Oh Girl
6. Got The Power
7. Skin Tight Boogie
8. Got A Woman (slight return)
9. The Deuce
10. Save A Prayer
11. The Reverend

Line Up

Jesse Hughes
Joshua Homme

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.