ZentauraRecensioni Recensioni Internazionali 

Recensione di Zentaura – “Made With Blood”

I Zentaura, ossia un centauro femmina ma con la Z, arrivano da Madrid. Sono un power .. o meglio un metal industrial goth trio. Personalmente, essendo di mentalità arcaica, per industrial metal, ma soprattutto dall’ascolto delle 9 tracce di questo album, “Made with Blood“, per me si tratta di un suono tendenzialmente metal melodico, con uso massiccio di suoni di sintetizzatori, quelli di fabbrica del Korg 9000 (non lo so se è proprio un Korg 9000 ma è per capirci), incastrati qua e la per dare un tocco d’atmosfera all’impianto generale dei brani. Molti suoni di tastiere, quando non sono tappeti ambient, riproducono motivetti e suoni da “carillon“, perché il carillon è ormai un topos standard del pauroso e dell’oscuro.

Il brano di apertura “Enter” serve proprio come introduzione, con l’utilizzo di effetti synth e coretti diafani, accompagnati da percussioni marziali e profetizzanti disastri.
Breve stacco e poi alcuni effetti liquidi introducono il riff, nelle intenzioni minaccioso, di “My Vampire Eyes“. La tensione creata dal suono di synth e il vocione di Javi ci raccontano delle notturne presenze succhiasangue, il concept di tutto l’album. In modo un poco ingenuo, ma efficace per un teenager, l’atmosfera vampiresca viene ben evocata. Nelle bonus track troviamo la versione strumentale di questo brano.
The Poker” continua ad utilizzare il finto carillon da danza macabra delle marionette. La struttura del pezzo è meno appariscente ma interessante con le sue pause e i suoi stacchi e nell’insieme il brano risulta più riuscito del precedente, e forse uno dei migliori della raccolta.
Guarda qui il video promozionale di “The Poker”:

Atmosfera clericale e i soliti synth carillon ben utilizzati nella title track “Made With Blood“. La voce si alterna tra cantato e recitativo che simula una specie di sermone. Il brano non è costruito male, ma forse richiedeva un finale più curato.
MyGoddess“, più maestosa e disperata, rinuncia a facili strizzate d’occhio al popolo metal, ma non rinuncia al quasi obbligato omaggio ai Devil Doll. Anche la versione ambient del brano, nelle bonus track, non rinuncia purtroppo al cantato e nell’insieme forse è più noiosa.
Ecco di nuovo i carillon tenebrosi in “Insomnia Nights“. Qualcosa di minaccioso si avvicina al nostro capezzale. Il risultato finale resta ingenuo, ma ancora più efficace rispetto all’inizio dell’album: si nota un miglioramento costante per arrangiamenti e struttura man mano che avanziamo nell’ascolto dei brani.
In “Fuck U” la voce “grossa e severa” sembra più la voce di Frank Zappa quando cantava in modo parodistico. Verso la fine del brano troviamo invece alcune voci femminili in sottofondo, che ricordano quella di Suzy Creamcheese/Pamela Zarubrica, (personaggio inventato da Zappa e presente nei suoi lavori degli anni ’60), e mi fanno sospettare che forse lo Zio era presente nelle menti dei tre spagnoli più di quanto si potesse sospettare.
Toxic People” ha un riff accattivante e dei synth stranianti, ma nell’insieme risulta un poco goffo, un passo indietro.
Il brano conclusivo, “That’s A Rain” è proprio un brano pop new wave anni ’80, con aggiunte delle chitarre graffianti dark, rigorosamente anni ’80 anche quelle. Mi ha divertito ascoltarlo. Nelle bonus track c’è anche la versione remix di questo brano che si espande ancor di più verso queste tendenze dansereccie.

Zentaura - Made With BloodIn conclusione possiamo dire che si tratta di un lavoro interessante e non privo di fascino “in potenza”. L’album “Made With Blood” merita almeno uno o due ascolti, ma non va molto in fondo nel dare spessore ai brani. In futuro, con una produzione più esperta e maggiore maturità nelle composizioni, torneremo sicuramente a parlare dei Zentaura.

Zentaura – “Made With Blood”

Band: Zentaura
Album: “Made With Blood”
Release Date: 12 ottobre 2015 – Spagna; 30 novembre 2015 – Europa
Label: Art Gates Records
Cover Artwork: Morgana Bast

Tracklist – “Made With Blood”

1-Enter
2-My Vampire Eyes
3-The Poker
4-Made With Blood
5-My Goddess
6-Insomniac Nights
7-Fuck You
8-Toxic People
9-That´s a Rain
10-My Vampire Eyes (Instrumental Version) (Bonus Track)
11-My Goddess (Ambient Version) (Bonus Track)
12-That´s a Rain (Electronic Remix) (Bonus Track)

Lineup – “Made With Blood”

Javi Calígula: voce
Zeth: chitarra / batteria live
Ghoul: basso

Zentaura su Facebook

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.