Pino Scotto 2018Recensioni Recensioni Nazionali 

Recensione di Pino Scotto – “Eye For An Eye”

Il buon vecchio Pino Scotto è di nuovo tra noi. Regolarmente in studio, da alle stampe questo “Eye for an Eye” insieme alla sua band originaria: Steve Angarthal alle chitarre, Marco Di Salvia dietro le pelli e Dario Bucca al basso.
L’album registrato all’Asgardh Music Studio di Milano e sapientemente mixato da Tommy Talamanca, chitarra e tastiera dei Sadist, è uscito il 20 aprile per Nadir Music.

Pino non ha bisogno di presentazioni. Sempre attivo dai tempi dei Pulsar, è l’eroe del rock nazionale. Senza peli sulla lingua, non ha mai piegato la schiena per un pò di riflettori in più.
Mai prima donna, scambia sempre due parole con i fan e difende a spada tratta quella che dovrebbe essere la vera musica, cioè quella suonata col cuore e l’anima, non le commercialate da classifica che tanto hanno imbrattato e infettato l’arte di fare musica per il bene della musica stessa e non solo per il conto in banca.

Pino Scotto - Eye For An Eye 2018 front albumEye for an Eye” è un album completamente cantato in inglese, pieno di idee, pieno di rock n’ roll, di blues, di chitarre grasse e sporche e riff incalzanti.
La title track mi ricorda “Silicon Messiah“, capolavoro di Blaze Bayley, il sostituto di Bruce Dickinson nei Maiden; ce li vedrei a fare un bel disco insieme.
Strepitosa “The One“, il riff iniziale è meraviglioso. Bello il lavoro di tutta la band. Un pò di speed con “One Against the Other” e “Two Guns“, riffoni clamorosi anche qui. Più tranquilla “Cage of Mind“, atmosfera anni settanta con la strumentazione di oggi.
Intro blackfootiano e con Fabio Treves all’armonica blues per “Crashing Tonight” che esplode in quanto di più rock n’ roll possa esistere sul pianeta.
Heavy ballad con “Angel of Mercy” e di nuovo gustosi chitarroni con “Looking for the Way“, una song che avrebbero tranquillamente potuto aver scritto gli UFO su “The Wild, The Willing & The Innocent“. Che gran Pino, in forma smaliante su questo nuovo lavoro. Tra l’altro un Angarthal assolutamente ispirato su questa traccia.
Altra heavy ballad, “Wise Man Tale” per chiudere con due cover, “There’s Only One Way” (Sammy Hagar) e “One Way Out” (il grande Sonny Boy Williamson), quest’ultima quasi inzialmente funky e decisamente distaccata dal resto dell’album per poi esplodere in un meraviglioso classic rock n’ roll.

Beh, che dire, Pino Scotto l’ho sempre apprezzato in ogni sua sfumatura, ho gradito tutti i suoi featuring su “Come Noi” o “Gli arbitri ti picchiano” con Caparezza ma quando spara queste cannonate rock non lo batte nessuno.
Un disco da avere, senza ombra di dubbio!

Pino Scotto – “Eye For An Eye”

Artista/Band: Pino Scotto
Album: “Eye For An Eye”
Data di Pubblicazione: 20 aprile 2018
Etichetta: Nadir Music
Produzione: Steve Angarthal presso Asgardh Music Studio di Milano. Mix e Master di Tommy Talamanca presso i Nadir Studio Music di Genova.

TRACKLIST – “Eye For An Eye”

1-Eye for an Eye
2-The One
3-One Against the Other
4-Two Guns
5-Cage of Mind
6-Crashing Tonight
7-Angel of Mercy
8-Looking for the Way
9-Wise Man Tale
10-There’s Only One Way to Rock
11-One Way Out

LINE UP – “Eye For An Eye”

Pino Scotto: voce
Steve Angarthal: chitarra
Dario Bucca: basso elettrico
Marco Di Salvia: batteria

ospite:
Fabio Treves – armonica

“Eye For An Eye” disponibile in CD fisico – link

 

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.