Red SunRecensioni Recensioni Nazionali 

Recensione di Red Sun – “Triosophy” (nuova edizione)

I piacentini (e oltre) Red Sun tornano dopo due anni con una nuova versione del loro album di debutto “Triosophy” ad opera della Spin On Black di Milano in un vinile 180 gr in tiratura limitata a soli 250 esemplari (ma sempre 150 in più della precedente versione).
Non badando a spese il lavoro di restyling grafico e musicale è stato affidato rispettivamente all’Art Director Luca Martinotti “solomacello” e all’ingegnere del suono Marc Urselli (i nomi di Eric Clapton, Jeff Beck, Simple Minds, ZZ Top, John Zorn, oltre ad altri cento, possono bastare?).

Red Sun - "Triosophy" - 2015Il primo giudizio su questa operazione di riproposta per i 250 eletti non può che andare proprio al lavoro di Mastering effettuato da Urselli. La purezza cristallina e la qualità dello spettro cromatico della musica dell’album resiste anche alla prova fatta con cuffiette da un euro comprate dal cinese (fare un test con le AKG sarebbe troppo facile). Non c’è un solo momento in cui l’amalgama degli strumenti vada in saturazione o crei un fastidioso effetto pastone. Ogni nota, ogni accordo risalta vivido e chiaro, donando ulteriore profondità nei momenti più algidamente space dello stile “rock psiche-prog” dei Red Sun e rendendo più realistico ogni strumento acustico (ossia gli elementi della batteria) anche nei pochi momenti più grezzi.

Perché ricordiamolo, l’album all’epoca fu registrato praticamente in presa diretta e con poche take, un fatto che è facile da dimenticare all’ascolto di questa nuova versione. Resta solo l’assenza totale di voci, recitative o cantanti, a bilanciare l’effetto di un ascolto coinvolgente, di quel coinvolgimento da musicisti che suonano nel tuo salotto e ti immergono nel loro suono trasportandoti in un altro mondo (anche se fuori dalla finestra due macchine si scontrano e poco dopo arriva la sirena dell’autoambulanza e tutti gridano).

Red Sun - "Triosophy" - 2016Sul fronte della grafica e della confezione del vinile, Luca Martinotti si allontana dalla derive pinkfloydiane dello studio Hipgnosis preferendo dei colori più caldi a risalto di paesaggi alienamente all’estremo. Quasi un inferno marziano nel quale incastonare in mezzo, nell’interno gatefold, l’immagine con logo dei tre componenti dei Red Sun. Semplice ma sicuramente più d’impatto della soluzione grafica originale.

L’edizione in CD di “Triosophy” è ancora disponibile solo nella versione del 2015. Ci auguriamo che arrivino richieste sufficientemente pressanti per rendere la versione Urselli/Martinotti dell’album disponibile per un pubblico più vasto, magari con qualche inedito. L’album lo merita e lo meritano gli estimatori dei Red Sun.

Red Sun – “Triosophy”

Artista/Band: Red Sun
Album: “Triosophy”
Data di Pubblicazione: 19 settembre 2015 (prima versione), 17 ottobre 2016 (nuova versione LP).
Etichetta: Desert Fox Records (2015), Spin On Black (2016)
Produzione: Mix e Master di Andrea Scansani e Red Sun (2015) presso MOFO Studio/Marc Urselli presso EastSound Studios (2016).
Artwork: Luca Martinotti (2016)

Tracklist – “Triosophy”

  1. A Glance At The Starry Sky
  2. The Road to The Old Mill
  3. Hot Stones Under The Sun
  4. The Morning Light
  5. Magic Down
  6. Paradigling Over The Ocean
  7. Outro

Line Up – “Triosophy”

Mirco: basso elettrico
Eno: chitarre
Fede: batteria

Triosophy” disponibile in CD, Digitale ed LP vinile in tiratura limitata – link

 

 

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.