Cannibal Corpse - Red Before Black - Album CoverNews 

Cannibal Corpse: il nuovo album “Red Before Black” in uscita il 3 Novembre 2017

Red Before Black” è il titolo del nuovo album che i Cannibal Corpse pubblicheranno il prossimo 3 novembre. Ora è stato diffuso online il video ufficiale di “Code Of The Slashers“, brano tratto dalla nuova release. La clip è stata diretta da Zev Deans che ha già lavorato con le band Behemoth, Ghost e Portal.

Guarda qui il video di “Code Of The Slashers

Questa sarà la tracklist di “Red Before Black”:

01. Only One Will Die
02. Red Before Black
03. Code Of The Slashers
04. Shedding My Human Skin
05. Remaimed
06. Firestorm Vengeance
07. Heads Shoveled Off
08. Corpus Delicti
09. Scavenger Consuming Death
10. In The Midst Of Ruin
11. Destroyed Without A Trace
12. Hideous Ichor

I Cannibal Corpse sono una band brutal death metal statunitense fondata nel 1988. Il gruppo ha finora pubblicato 13 album studio, un boxed set ed un album live, hanno venduto oltre 2 milioni di dischi in tutto il mondo. Benché i Cannibal Corpse non siano mai apparsi in televisione o in radio, possono vantare una fitta schiera di fan dovuta ad album di enorme diffusione quali “Butchered at Birth” del 1991, “Tomb of the Mutilated” del 1992, “Vile” del 1996 e “Live Cannibalism” del 2000. I Cannibal Corpse traggono ispirazione principalmente dal thrash metal degli Slayer e dei Kreator, oltre che dal death metal dei Death. Il gruppo viene spesso identificato per i testi horror e truculenti. Alcuni segni distintivi dei Cannibal Corpse sono l’uso del growl. Come per altre band death metal le cui canzoni trattano di stupri, uccisioni e necrofilia, i testi della band e le immagini sulle copertine degli album (disegnate da Vincent Locke) sono spesso a tema esplicitamente sessuale e violento. Gli album della band sono stati censurati o banditi in alcune nazioni: in Germania non gli è stato permesso di suonare dal vivo alcuna canzone proveniente dai primi tre album, mentre nello Stato della Baviera non gli è proprio permesso di suonare né di pubblicare le copertine originali dei loro album, e nemmeno di stampare i testi nei booklet. Furono banditi anche in Australia dove però nel 2006 riuscirono ad andare in tour.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.