Sabaton - The Last StandNews 

Sabaton: il nuovo album “The Last Stand” in uscita il 19 agosto 2016

The Last Stand” è il nome del nuovo album dei Sabaton in uscita il prossimo 19 agosto per Nuclear Blast. La power metal band svedese è attualmente ancora in studio per completare i lavori sul disco. L’artwork è stato curato da Peter Sallaì.

Di seguito le parole del bassista Par Sundstrom:

“Abbiamo ancora una volta lavorato con Peter Tagtgren nei suoi rinnovati Abyss studio in Svezia per registrare, produrre e mixare l’album. Il mastering sarà curato da Jonas Kjellgren. Sia “Carolus Rex” che “Heroes” erano stati lavori nello stesso modo e quindi ci siamo sentiti a nostro agio nel riprodurre la stessa routine. Pensiamo di aver fatto un buon salto in avanti, ma il sound è chiaramente riconoscibile come quello dei Sabaton“.

Di seguito le parole di Peter Sallaì:

“L’idea di base era di mostrare i soldati di differenti epoche rappresentando le diverse battaglie storiche di cui parliamo nell’album. Questo in ogni caso rivela solo una parte degli argomenti dell’album“.

Questa è la tracklist di “The Last Stand”:

02. Last Dying Breath (3:26)
03. Blood of Bannockburn (2:57)
04. Diary of an Unknown Soldier (0:51)
05. The Lost Battalion (3:39)
06. Rorke’s Drift (3:28)
07. The Last Stand (3:58)
08. Hill 3234 (3:31)
09. Shiroyama (3:36)
10. Winged Hussars (3:53)
11. The Last Battle (3:12)

I Sabaton sono un gruppo heavy/power metal svedese fondato nel 1999.Il tema principale affrontato dal gruppo nei suoi testi è la guerra, antica e, soprattutto, moderna. Molti testi riguardano battaglie famose della storia viste da un punto di vista generale o dall’occhio di una delle fazioni. Le due guerre mondiali sono molto presenti nei testi (come per esempio in “Cliffs of Gallipoli” che narra della Battaglia di Gallipoli da un punto di vista neutrale, o in “Panzerkampf“, che ha come tema la Battaglia di Kursk vista dal punto di vista dei Sovietici), anche se si possono riscontrare anche temi differenti da quelli delle guerre mondiali, come la Guerra delle Falkland o quelle del golfo (rispettivamente in “Back in Control“, vista dal punto di vista inglese, e in “Panzer Batalion“, vista dal punto di vista della Coalizione). La musica che accompagna i testi si basa principalmente su pesanti linee di chitarra e tastiere e sulla voce rauca e aggressiva di Joakim Brodén.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.