Phil DemmelNews 

Slayer: Gary Holt lascia il tour europeo

Gary Holt lascia momentaneamente gli Slayer attualmente impegnati nel loro tour europeo d’addio. Il chitarrista americano ha infatti annunciato tramite Instagram di dover abbandonare il tour per assistere il padre, che purtroppo è in fin di vita. Il suo posto sarà preso da Phil Demmel, che esordirà con la band già stasera, nel concerto in programma a Copenhagen. Holt dovrebbe comunque tornare in tour a partire da marzo 2019.

Phil Demmel è il chitarrista degli Slayer ed ex membro dei Machine Head. In passato ha militato nei Vio-Lence, band di cui fu anche il cofondatore e tra questi figurava anche Robert Flynn, in futuro nei Machine Head. Demmel raggiungerà anni dopo il suo collega Flynn nei Machine Head, decretando con il suo abbandono la fine dei Vio-lence. Altri gruppi in cui il chitarrista ha suonato sono Technocracy e Torque.. È endorser di chitarre Jackson e ne ha un modello firmato chiamato “Demmelition V“-

Gli Slayer si sono formati a Los Angeles nel 1981, noto per il contenuto dei testi, che toccano argomenti riguardanti satanismo, nazismo, guerra, violenza, morte e serial killer. Dall’inizio della loro carriera, sono sempre stati al centro delle polemiche, ricevendo una moltitudine di critiche per presunte idolatrie naziste e sataniste e il gruppo è stato anche citato in vari episodi di cronaca nera, cosa che ha scatenato numerosi dibattiti sull’impatto della loro musica sui giovani.
Sono ritenuti tra i principali sviluppatori del loro genere, insieme a Metallica, Megadeth ed Anthrax.
Tratti distintivi della loro musica sono assoli veloci e caotici, rapidi groove batteristici, tremolo picking e doppia cassa martellante, peculiarità che hanno reso gli Slayer uno dei più importanti gruppi per lo sviluppo del metal estremo e il loro terzo album, “Reign in Blood“, è stato una profonda influenza per il death metal. A differenza della maggioranza dei gruppi thrash della loro era che negli anni intrapresero nuovi percorsi musicali, gli Slayer conservano tuttora il loro tipico stile, nonostante il cambio generazionale e l’arrivo di nuove forme musicali.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.