Darkthrone - Shadows Of Iconoclasm - Box Set CoverNews 

Darkthrone: il box deluxe “Shadows Of Iconoclasm” il 2 Aprile 2021

Shadows Of Iconoclasm” è il box deluxe che i Darkthrone publicheranno il prossimo 2 aprile per Peaceville Records. La release conterrà tutti i primi lavori della band e celebrerà i 30 anni dell’album di debutto “Soulside Journey“. La copertina è stata disegnata da Zbigniew Bielak.

Il box conterrà 6 vinili più un 7 pollici con:
– 6 vinili e un 7 pollici con: versione rimasterizzata di “Soulside Journey“.
– L’album strumentale “Goatlord” trasferito dai nastri originali di Fenriz.
– “Live in Esbjerg“, Danimarca 1990 – per la prima volta su vinile.
– “Live in Oslo 1990” – nuova versione trasferita in digitale dai master di Bootleg TV.
– “Live in Riihimaki & Lahti“, Finlandia – per la prima volta su vinile.
– Vinile in 7 pollici con le tracce della performance tenuta per Bootleg TV a Oslo nel 1989 compresa la cover di “Visual
Aggression
” dei Celtic Frost.
– Le 4 demo “Land Of Frost“, “A New Dimension“, “Thulcandra” e “Cromlech” in cassetta con l’artwork originale.
– DVD con “Live in Oslo 1990” e materiale live dal tour in Finlandia, più tracce bonus e inedite da altre date tenute a Oslo nel 1989 e 1990
booklet di 60 pagine con foto, commenti e testo presente sul libro ‘Black Death & Beyond‘.
– una replica di una stampa di una foto promo della band.
– stampa dell’artwork di “Soulside Journey“.

I Darkthrone si sono formati a Kolbotn nel 1987. Dopo aver inciso sei demo e aver firmato un contratto con la Peaceville, suonano alcuni concerti assieme ai Cadaver e poi si recano in Svezia per registrare il loro album di debutto assieme al produttore Tomas Skogsberg: “Soulside Journey” esce in quello stesso anno e presenta ancora tutte le caratteristiche proprie del death metal. L’album si inserisce all’interno della scena death metal scandinava, accanto a gruppi come Entombed, Edge of Sanity e Tiamat, in netta contrapposizione quindi alla scena black metal che si stava in quel periodo radunando attorno al negozio di dischi Helvete ad Oslo, posseduto da Euronymous dei Mayhem. Secondo le stesse dichiarazioni del gruppo, però, già all’epoca della pubblicazione del debutto tutti i componenti, con l’eccezione di Dag Nilsen, erano stanchi di suonare death metal e avevano già iniziato ad ascoltare i gruppi black metal norvegesi.
A partire dal secondo disco “A Blaze in the Northern Sky” si sono spostano infatti verso questo genere, pubblicando dischi con una cadenza molto regolare. A partire da “The Cult Is Alive
” del 2006, hanno cambiato nuovamente stile musicale introducendo massicce influenze punk e heavy metal classico.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.