Steve Hogarth @ Auditorium – 12 09 2015Live Report Internazionali 

Steve Hogarth: At the H’s Pianobar @ Auditorium – 12 09 2015

E così Steve Hogarth è tornato a fare il tastierista, come faceva prima di questi ultimi 20 anni e più passati con i Marillion, e dopo una più recente carriera solista in collaborazione anche con l’ex Japan ed ex(?) Porcupine Tree, anche lui tastierista, Richard Barbieri.

Eppure mi ricordo ancora quando, nel 1989, tutti i miei amichetti di scuola erano lì a criticarlo: “i Marillion sono finiti senza Fish“. “Hogarth vale la metà di Fish.
Io ero l’unico che lo difendeva: “Beh si. Che è la “metà” di Fish sono d’accordo, ma finiti? Guarda caso a me i Silmarillion hanno cominciato ad interessare sul serio proprio da quando c’è Steve Hogarth! Si, “Misplaced Childhood” è un bellissimo album che si erge tra i pochi fari nei desolati anni  ’80 … ma per il resto? Una scopiazzata che sa di parodia involontaria delle pagine migliori dei Genesis pre 1975″. Hogarth (e io) avevamo ragione.
I Marillion negli anni ’90 sono diventati una band longeva, tenace, capace di cimentarsi in più generi, rinnovarsi e migliorarsi.
Si, forse dal vivo sembrano un poco freddini. Ammetto che Hogarth sul palco gode di una minore “apparenza” (volume) dal punto di vista scenico rispetto a Fish. Per questo ero un poco preoccupato quando ho saputo che si sarebbe esibito da solo, seduto, con la tastiera ad altezza ginocchia.

Steve Hogarth su un'asse da stiro
Il buon Dickone sull’asse da stiro non ci sarebbe mai potuto stare!

Con un lieve ritardo sul programma di circa 15 minuti, (ma in effetti alle 21:00 esatte c’era ancora poca gente seduta in sala, poi sono arrivati tutti i ritardatari accolti dalle espressioni di sollievo di Guido Bellachioma), entra, nero, dimesso e sorridente, “H“, sul palco della Sala Petrassi che, raccolta ed elegante, con i suoi rivestimenti in legno e la sua tappezzeria di un bel rosso accesso è, (cito dal sito dell’Auditorium) “Il luogo ideale per accogliere dagli avvenimenti istituzionali e aziendali di alto profilo alle più diverse iniziative culturali, tecnico-scientifiche e promozionali, fino alle anteprime e alle rassegne cinematografiche” e anche, aggiungo io, luogo ideale per questa prima (e unica in Italia) data del suo “H Natural Tour “natalizio(?)”, la cui idea di base è quella di cimentarsi da solo in forma ravvicinata con il pubblico, attraverso una tastiera, su cui è perennemente seduto, un MAC, e soprattutto la sua meravigliosa e struggente voce. Chiacchierando tra un brano e l’altro, lieve e scherzoso, come le sue dita sui tasti, provando ad improvvisare brani a richiesta, scambiando ricordi e commenti con il pubblico romano, (quei pochi in grado di comprendere il suo accento cumbrico del Nord dell’Inghilterra).

Ammantato da una scenografia nera e soffusa, quanto i suoi folti capelli ancora oggi di un profondo corvino, (che marca di tintura userà?), “H” sa cosa vuole da lui il suo pubblico! Solo 4 brani “solisti” tutti dal suo album del 1997, “Ice Cream Genius“, 3 cover (no, “Life on Mars“, no, e la capirà solo chi è stato in sala), “Istant Karma di Lennon, “Here Comes  …. aspetta …. “Here Comes to Flood”, (anche questa verrà capita solo da chi è stato al concerto), doveroso omaggio a Peter Gabriel, “The Man with the Child in His Eyes” di Kate Bush, molto ben interpretata tra due strofe e chorus di “Cover My Eyes” dei Marillion e quindi tanti e tanti brani del “suo” gruppo, (mi dispiace, niente di precedente a “Seasons End“, quindi niente “du ju remembe”).
H” va avanti così, da solo, in intimità con il pubblico, per più di un’ora, fino a quando finalmente salgono gli ottimi componenti della band RanestRane ad accompagnarlo fino al bis di “Cage”. L’amalgama tra la “star” e la band romana è eccellente, soprattutto su quei brani (Marillion) nati per essere suonati di gruppo e non da soli, tant’è che un poco tutti ci siamo detti: si, Hogarth in versione pianobar è stato grazioso, però forse era meglio fare un’ora e mezza con il gruppo e solo mezz’ora lui da solo, invece che il contrario. Metteteci anche che ai fotografi autorizzati è stato vietato di lavorare durante l’esibizione dei RanestRane; quindi di questa parte gloriosa (e breve) del concerto, resterà per molti solo traccia nei loro ricordi.

In conclusione l’idea di “H” per questo tour “intimo” è buona, previo che sia fatto con un pubblico più “in lingua” e in luoghi più adatti, tipo Pub o Night Club. Magari con un pianoforte vero  … troppo caro?

Faccio doveroso ringraziamento allo staff dell’Auditorium per avermi concesso di sedermi dove piaceva a me in una sala con posti numerati.

Setlist

1- The Evening Shadows (H)
2- Fantastic Place (Marillion)
3- Cover My Eyes (Marillion, solo prima strofa e poi …)
4- The Man With The Child In His Eyes (cover Kate Bush, integrale e poi …)
5- Cover My Eyes (Marillion, solo seconda strofa e chorus)
6- Batter Dreams (H)
7- Working Town (How We Live: Hogarth & Colin Woore)
8- Hard As Love (Marillion)
9- Here Comes To Flood (cover Peter Gabriel)
10- Instant Karma (cover John Lennon)
11- You’re Gone (Marillion)
12- Afraid of Sunlight (Marillion)
13- Easter (Marillion)
14- Beyond You (Marillion)
15- The Deep Water (H)

Con i RanestRane

16- Runaway (Marillion)
17- Afraid of Sunrise (Marillion)
18- The Space (Marillion)
19- Out Of This World (Marillion)
20- House (Marillion)
21- Estonia (Marillion)
22- Waiting To Happen (Marillion)
23- Made Again (Marillion)
24- 80 Days (Marillion)

Encore

1- Cage (H)

Galleria Fotografica a cura di Stefano Panaro
Per le foto in alta risoluzione: info@romebywild.it

Potrebbe Interessarti Anche

3 Thoughts to “Steve Hogarth: At the H’s Pianobar @ Auditorium – 12 09 2015”

  1. alxnever

    Concordo, bellissimo concerto, ma sarebbe stato spettacolare se ci fossero stati più brani con le ranestrane.

  2. di certe meccaniche inerenti i diritti di esecuzione spesso ne fa le spese la qualità dell’esecuzione stessa.

  3. TheWizard

    Concerto spettacolare, H + Rane mix stratosferico !

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.