Superhorrorfuck @ Midian – 04 01 2014Live Report Locali 

Superhorrorfuck: il raduno dei morti viventi @ Midian – 04 01 2015

Domenica 4 gennaio siamo accorsi numerosi al raduno dei morti più vivi che mai! Ad accoglierci, l’amato Midian di Cremona, la nostra cripta formato famiglia dove, circondati da bare, avelli e bottiglie di Jack ci sentiamo sempre a casa.

Ad aprire le danze infernali c’è Emily Van Dark con il suo acustico dalle note suadenti. Bella e dotata, Emily è di indiscutibile talento e stasera è stata la quiete prima della tempesta.

In seconda battuta arrivano sul palco i Van Nuys che collocherei nel girone degli ignavi. La band trevigiana presenta un glam punk/sleaze non del tutto convincente. Davy Sin (voce), Lacey L. (chitarra e cori), Mark Evil (batteria e cori), Nicky D. (basso) non hanno rianimato i corpi, ma possono ancora migliorare. Ottima la scelta del look, anche se purtroppo il look non suona.

Subito dopo arrivano i Raging Dead a dare la defibrillata decisiva, nessuno può resistere al richiamo di Cloud Shade (voce) e compagni – Matt Void (chitarra), Tracii Decadence (batteria), Riley Greed (basso).
Il loro horror punk metal ci arriva dritto alle orecchie, al cuore, come un’iniezione di adrenalina.
Tutti i presenti vengono coinvolti dalle loro note grintose e la festa comincia: la vita esplode finalmente.
A febbraio la band registrerà il suo primo EP e, se questi sono i presupposti, non vediamo l’ora di ascoltarlo.

La fiamma accesa dai Raging si trasforma in fuochi d’artificio non appena i Superhorrorfuck iniziano a lanciare le loro note nell’aria: i decibel ci trafiggono fatalmente.
Loro si definiscono Shock’n’Roll e rendono perfettamente l’idea di cosa propongono!
Dr.Freak al microfono è un frontman perfetto che, pur dichiarandosi morto, è una flebo di energia per tutti. Biondo come un angelo, ma indiavolato come pochi, è un concentrato di grinta e carisma che ogni volta ipnotizza le anime. Lui è certamente la punta di diamante di una band che brilla in ogni sua sfaccettatura.
Al suo fianco troviamo Mr.4 (basso e cori), Didi Bukz (chitarra e cori), Franky Voltage (batteria e cori), Izzy Wyldhell (chitarra e cori).
I brani hanno una loro inconfondibile personalità, nel suono e nei testi.Non manca nulla, hanno tutti gli ingredienti per la pozione che rende magiche le notti di chi è presente. Anche i loro brani sono una dichiarazione d’intenti, come “Down at the Grave Yard”, che si apre con  il famigerato motto “We will rock over the night”, promessa mantenuta inesorabilmente. Tutto si colora di allegria, schizzi di tinte forti in una cornice nera. “Voodoo Holiday” è un brano che arriva anche nell’aldilà con la dichiarazione “Stress is bad for living dead”,  ma il divertimento è assicurato.
Alla fine il palco si riempie di belle donzelle su richiesta di Mr. Freak che scende a raccoglierle, irresistibile come sempre.

Che dire … i morti viventi hanno vita da regalare a tutti stasera al Midian e speriamo non smettano mai.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.