6 settembre 1943 - nasce Roger WatersNews 

Roger Waters: il nuovo brano “Supremacy”

Supremacy” è il nuovo brano registrato da Roger Waters come protesta nei confronti della controversa decisione da parte del Presidente Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele e spostare la sede dell’ambasciata americana da Tel Aviv. In questa traccia, l’artista inglese recita parte di un poema scritto dal poeta Palestinese Mahamoud Darwish intitolato “Il Penultimo Discorso dell’Indiano Rosso all’Uomo Bianco“, accompagnato da Le Trio Joubran, un gruppo di fratelli suonatori di Oud. L’uscita del video coincide con il settantesimo anniversario dell’esodo di più di 700.000 Palestinesi durante la guerra d’indipendenza d’Israele.

Ascolta qui il brano “Supremacy

Di seguito il commento di Roger Waters riguardo il brano:

“All’apparenza narra dell’ultimo discorso dei Nativi Americani nei confronti dell’Uomo Bianco, ma parla anche della Palestina tanto amata dal poeta, e di tutte le vittime del colonialismo”.

Roger Waters è stato il bassista e cantante dei Pink Floyd dal 1965 fino al 1985, quando lasciò il gruppo proseguendo una carriera da solista. Dal 1975 fu il principale autore delle musiche del gruppo, nonché autore unico dei testi, come nel caso dell’album “The Final Cut” e della quasi totalità dei precedenti concept albumThe Wall” e “Animals”. I suoi testi sono incentrati su argomenti di critica e denuncia sociale, politica e psicologia. Waters è un pacifista e non ha mai nascosto le sue simpatie politiche di sinistra, definendosi personalmente come un socialista e convinto elettore del Partito Laburista. Nonostante ciò, ha fatto scalpore la sua presa di posizione contro la legge che i laburisti hanno presentato per limitare la pratica della caccia alla volpe. Non è mai stato un accanito religioso: fu anzi vicino all’ateismo fino alla fine degli anni settanta, nonostante il padre fosse stato cristiano e inizialmente avesse rifiutato di arruolarsi nella seconda guerra mondiale a causa dei suoi valori, prima di avvicinarsi al comunismo e partire come un soldato, scelta in conseguenza della quale morì combattendo contro i tedeschi dopo lo sbarco angloamericano ad Anzio, nel 1944. Con gli anni Roger si è avvicinato alla fede cristiana, ma ha spesso criticato il modo bigotto di pensare ed il “sistema chiesa”.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.