Amon Amarth - The Great Heathen Army - Album CoverNews 

Amon Amarth: il nuovo album “The Great Heathen Army” il 5 Agosto 2022

The Great Heathen Army” è il titolo del nuovo e dodicesimo album in studio che la melodic death metal band svedese Amon Amarth, pubblicherà venerdì 5 agosto 2022 tramite Metal Blade Records.

Di seguito il commento del cantante Johan Hegg:

“Nel complesso “The Great Heathen Army” è uno degli album più pesanti che abbiamo realizzato. Ci sono alcune canzoni oscure e pesanti che sono davvero potenti e dirette, ma ovviamente abbiamo alcune canzoni melodiche tipiche degli Amon Amarth, oltre a qualche sorpresa. È un album davvero ben bilanciato. Suona alla grande. Andy Sneap è fantastico. È stato bello poter lavorare di nuovo con lui”.

Di seguito le parole del chitarrista Olavi Mikkonen:

“Ci siamo presi del tempo per lavorare a nuova musica e siamo tornati con un nuovo album dal suono più oscuro e death metal. Se “Berserker” era il nostro album heavy metal, allora “The Great Heathen Army” è il nostro lavoro death metal. Detto questo, l’album suona ancora molto Amon Amarth dei giorni nostri, ma forse dal punto di vista dello stile siamo tornati un po’ alle nostre radici”.

Questa è la tracklist di “The Great Heathen Army”:

1. Get In the Ring
2. The Great Heathen Army
3. Heidrun
4. Oden Owns You All
5. Find a Way or Make One
6. Dawn of Norsemen
7. Saxons and Vikings
8. Skagul Rides With Me
9. The Serpent’s Trail

Gli Amon Amarth sono un gruppo melodic death metal svedese formatosi nel 1988 a Tumba (un sobborgo di Stoccolma), capitanati dal frontman Johan Hegg. I testi del gruppo sono ispirati alla mitologia norrena e mostrano una spiccata avversione per il cristianesimo, visto come distruttore della religione odalista e causa del declino dei regni pagani scandinavi. Nato col nome di Scum nel 1988, nel 1992, all’arrivo del cantante Johan Hegg, il gruppo cambiò genere musicale (prima suonavano grindcore) e il nome in Amon Amarth, per il quale trassero ispirazione dalla mitologia di J. R. R. Tolkien. Tale nome in lingua Sindarin significa infatti Monte Fato. Nel 1996 la band pubblicò il demo “The Arrival of the Fimbul Winter“, che seguì il mai commercializzato (ma pubblicato nell’edizione bonus di “Versus the World) Thor Arise” (1994). Con l’album “Once Sent from the Golden Hall” del 1998 (uscito nonostante litigi e disguidi con l’allora produttore degli Entombed che portarono il gruppo a cambiare studio) la loro fama crebbe a livello internazionale.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.