20 ottobre 1950 - nasce Tom PettyNews 

Tom Petty: la verità sulla causa della morte

Tom Petty, diversamente da quanto era stato reso noto in occasione del suo ricovero il 1° ottobre, l’effettiva causa del suo decesso non è stata un arresto cardiaco bensì un mix di farmaci. A confermare le tragiche circostanze della scomparsa, sulla pagina Facebook ufficiale di Tom Petty and the Heartbreakers, sono le stesse Dana e Adria, rispettivamente la vedova e la figlia maggiore dell’artista, informate ieri dal medico legale che la causa della morte sia stata invece una overdose accidentale di antidolorifici. Tom Petty aveva scoperto che il suo pro problema all’anca era degenerato, arrivando a frattura completa, il dolore per lui era insopportabile e questa sarebbe stata la ragione a spingerlo ad abusare dei farmaci. La morte sarebbe quindi stata causata da un collasso multiorgano dovuto alla tossicità del mix di farmaci assunti. Tra i medicinali che hanno portato all’overdose risulta anche il Fentanyl. Un simile scenario sembra, al momento, seppur ancora non confermato ufficialmente, coerente con la causa della recentissima morte di Dolores O’Riordan, cantante dei Cranberries.

Petty, dopo aver fatto parte di alcune band come The Sundowners, The Epics, eMudcrutch, (di cui facevano parte i futuri membri degli Heartbreakers Mike Campbell e Benmont Tench), inizia la sua carriera discografica come Tom Petty & the Heartbreakers, quando la band irrompe nella scena musicale del 1976 con l’album omonimo di debutto. Dopo che nel 2000 esce un’altra antologia in doppio CD, nel 2002 esce “The Last DJ“, in cui parte dei testi esprimono una critica all’industria discografica, che a suo parere schiaccia la vera arte per cercare solo l’utile economico. La critica musicale non è tenera e giudica l’album il peggiore in assoluto della sua carriera, giudizio senz’altro severo, visto che il disco, benché distante dai picchi della sua produzione, resta un disco ascoltabile con qualche pezzo discreto. L’artista stesso si stupirà di come tutte le critiche siano rivolte ai testi senza nessun accenno alla qualità delle canzoni. Il 24 luglio 2006 esce “Highway Companion“, nuovo album solista dell’artista, l’album prodotto come l’album solista “Wildflower” del 1994 da Rick Rubin è il primo inciso per la American Recordings, etichetta del produttore stesso, che fa parte della Warner con la quale Tom Petty incide da più di dieci anni. Si tratta di un album certamente migliore da un punto di vista musicale rispetto al precedente anche se certi capolavori sembrano oramai irripetibili. Nella primavera del 2008 Tom Petty riunisce la sua prima band, i Mudcrutch, con cui non aveva mai inciso alcun disco e pubblica l’album “Mudcrutch“, che stilisticamente non si discosta troppo dalle sue recenti produzioni. Nel giugno 2010 pubblica, nuovamente con gli Heartbrakers, l’album “Mojo“, seguito nel luglio 2014 da “Hypnotic Eye“.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.