Van Halen: la band potrebbe riunirsi con la line up originale

Van Halen; Le voci sul possibile ritorno della famosa band americana nel 2019 si stanno susseguendo dalle ultime settimane, dopo che il cantante David Lee Roth ha accennato in un’intervista per Vulture che il gruppo potrebbe suonare allo Yankee Stadium. Ora arriva anche una voce da parte del conduttore radiofonico Eddie Trunk, il quale cita fonti dell’industria, sostenendo che l’ex bassista Michael Anthony si unirebbe a un tour proposto.

Di seguito le parole di Eddie Trunk:

“Esito a parlarne anche perché ogni anno circolano voci sul ritorno dei Van Halen e alla fine non succede. Ma, un po ‘più del solito mentre si conclude il 2018, sto iniziando a sentire alcune voci. Ho fonti e persone dalle quali sento cose che devono rimanere fuori dal registro. Quindi non posso citare la mia fonte, ma ho sentito da qualcuno che fa parte dell’industria musicale che ci saranno effettivamente alcune attività dei Van Halen nel 2019, in termini di spettacoli dal vivo. Le voci dicono, e ancora una volta sottolineo voci di fonti attendibili, ma ancora voci non confermate, che la band andrà in tour nel 2019 con la formazione originale, il che significherebbe il ritorno di Michael Anthony, e che ci sarà una sorta di tour negli stadi. Quindi, ancora una volta non posso sottolineare abbastanza che non è confermato in alcun modo forma o maniera, ma ci stanno iniziando a essere delle vere e proprie voci sostanziali su questo mentre chiudiamo il 2018″.

L’influenza dei Van Halen è stata piuttosto vasta nell’hard & heavy ed ha contribuito all’origine di molti gruppi heavy metal. La tecnica di Eddie van Halen infatti ispirò molti chitarristi all’interno della corrente musicale heavy metal. La band ha attraversato vari cambi di formazione nel corso della sua carriera, ma è sempre riuscita a mantenere un’alta popolarità. Nella prima fase salirono alla ribalta con il cantante David Lee Roth, per poi consolidare la loro fama con Sammy Hagar alla voce. Il gruppo si sciolse momentaneamente sul fine degli anni novanta, dopo una sfortunata parentesi con il cantante Gary Cherone. Nei primi anni duemila si rimisero ufficialmente in carreggiata, seppur senza mai ottenere i riscontri di pubblico dei decenni precedenti. Il gruppo ha venduto oltre 80 milioni di dischi nel mondo, di cui 56 milioni nei soli Stati Uniti.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.