PrinceNews 

Prince: all’asta la chitarra Yellow Cloud

Yellow Cloud è la chitarra personalizzata di Prince super contesa all’asta di memorabilia che si è tenuta lo scorso 18 maggio all’Hard Rock Cafè di New York City. Stimata tra i 60 e gli 80 mila dollari, il miglior offerente si è distinto con la modica cifra di 225 mila dollari
Tra i 158 oggetti messi all’asta c’erano una bambola in ceramica stile Mardi Gras del servizio fotografico “Purple Rain“, la quale è stata venduta al prezzo di 12.500 dollari, diversi oggetti del guardaroba di Prince agli MTV Musica Video Awards 1999 e un lampone-berretto con un distintivo simbolo dell’amore, costato 1.750 dollari. A dominare l’asta sono stati un anonimo fan giapponese e Jerry Fraize, direttore della memorabilia per l’Hard Rock Company.

Per tutti gli anni ottanta Prince ha preferito giocare con i giornalisti, inventando una serie di storie sulla sua infanzia e adolescenza oppure mentendo sulla sua data di nascita. Per lungo tempo ha dichiarato di avere origini italiane, storia che non è mai stata esplicitamente confermata.
La vena artistica del cantante di Minneapolis, (che compone, arrangia, produce, canta e suona i suoi lavori spesso in totale autonomia), lo porta a produrre continuamente nuovi brani, ma anche ad essere tra i pionieri della vendita on-line su Internet: infatti alcuni suoi prodotti sono acquistabili solo dal suo sito.
Nel 2004 la rivista Rolling Stone lo ha inserito al 27º posto nella lista dei 100 migliori artisti. Musicista poliedrico, nei suoi lavori si sentono espliciti riferimenti ad artisti black quali James Brown, Sly & the Family Stone, Earth, Wind & Fire, George Clinton e Stevie Wonder, ma anche musicisti rock come Jimi Hendrix e Frank Zappa. La sua musica coinvolge diversi stili come funk, rock classico e pop, ma spesso si è confrontato anche con il rap e il rock sinfonico, producendo un crossover musicale molto apprezzato da fan e critici. Altre influenze esercitate sul musicista sono la dance rock, la disco music e la musica psichedelica, che ispirò alcune tracce quali “Let’s Go Crazy” dall’album “Purple Rain“.

Related posts

Lascia un commento

Il commento è in attesa di approvazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.