Yoko OnoNews 

Yoko Ono: fa causa all’azienda che vende la bevanda “John Lemon”

Yoko Ono, la vedova di John Lennon, ha fatto causa all’azienda polacca a conduzione familiare, che dal 2012 pubblicizza e vende la “John Lemon“, una bevanda vegana a base di limone. Il motivo è per plagio al nome dell’ex marito e per aver violato il copyright, da lei posto, sul nome di Lennon, un marchio che esiste dal 2016. L’azienda, ripetutamente minacciata da dispendiose battaglie legali insostenibili, è venuta a compromessi e ha accettato di cambiare il nome alla nota bevanda “John Lemon“, promettendo di arrestarne lo stock entro ottobre. Nonostante essa sostenesse di aver fondato il marchio prima di Yoko Ono, l’azienda ha ceduto di fronte ad un risarcimento di 5000 € al giorno e 500 € che avrebbe dovuto pagare per ogni bevanda venduta. Sembra, inoltre, che l’azienda avesse usato per la campagna pubblicitaria della bevanda la frase “Let It Be” (brano scritto e composto da McCartney) e un’immagine di un limone con degli occhialetti tondi, tipici del look di John Lennon.

La bevanda che, da novembre, sarà costretta a cambiare nome potrebbe diventare un raro oggetto da collezione, affrettatevi a comprare una John Lemon!

Di seguito il commento dei legali di Yoko Ono:

“L’azienda sta solo sfruttando la notorietà di Lennon per vendere la sua bibita”

Di seguito la risposta dell’azienda:

“Non avremmo mai potuto batterci con qualcuno che vale svariati milioni di dollari”.

Già conosciuta nel mondo dell’arte, Yoko Ono raggiunse la fama internazionale con il matrimonio e la successiva carriera artistica con John Lennon dei Beatles. Fu tra i primi artisti ad esplorare l’arte concettuale e le performance artistiche. Un esempio delle sue performance è “Cut Piece“, durante la quale stava seduta su un palco ed invitava il pubblico a tagliare con delle forbici i vestiti che aveva addosso, fino a restare nuda. Un altro esempio di arte concettuale è il libro “Grapefruit” (Pompelmo), edito per la prima volta nel 1964, che comprendeva delle surreali istruzioni in stile Zen, da completare nella mente del lettore, come Nascondino: nasconditi finché tutti si dimenticano di te. Nasconditi finché tutti muoiono. Il libro fu ripubblicato diverse volte; l’edizione a maggior tiratura risale al 1971, distribuito da Simon and Schuster, fu ristampato nel 2000.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.