14 giugno 1956 - nasce King DiamondNews 

King Diamond: live il brano inedito “Masquerade Of Madness”

Masquerade Of Madness” è il brano inedito di King Diamond che ha eseguito live lo scorso fine settimana nell’ambito del festival belga Graspop Metal Meeting. L’artista ha eseguito il brano come anche per altre date di questo tour. Online è disponibile un video amatoriale della performance. Inoltre King Diamond, starebbe lavorando ad un nuovo album, una storia ambientata in un istituto di igiene mentale negli anni ’20 del secolo scorso.

Guarda qui il live video di “Masquerade Of Madness

King Diamond, all’anagrafe Kim Bendix Petersen, cantante danese heavy metal dei Mercyful Fate, noto soprattutto per le sue istrioniche performance live e per i suoi atteggiamenti provocatori e dissacranti. Si addentrò nel mondo della musica nel 1973, entrando come chitarrista in un gruppo chiamato Brainstorm, gruppo di discreto successo nella penisola danese e vi militò fino al 1978. Lasciati i Brainstorm, entrò nel gruppo Black Rose, stavolta nel ruolo di cantante. Militando in questo gruppo egli si procurò lo pseudonimo di King Diamond, nome con cui risulta più noto al pubblico. Successivamente, decise di pitturarsi il viso durante le apparizioni dal vivo, emulando il suo idolo Alice Cooper.
King, la cui notorietà a livello nazionale stava pian piano crescendo, decise di lasciare i Black Rose ed entrò nei Brats, dove si ritrovò a cantare assieme a musicisti molto in gamba, soprattutto uno con il quale di lì a poco avrebbe formato un gruppo destinato a fare la storia del metal pochi anni più tardi. I suoi compagni si chiamavano al secolo Hank Shermann e Michael Denner, entrambi chitarristi, e Timi Hansen, bassista. Nel frattempo si unì anche il batterista Kim Ruzz e la band fece il passo che li avrebbe poi caratterizzati per sempre, ovvero cambiò nome. Nacquero così i Mercyful Fate. Firmato il primo contratto veramente importante della loro carriera, il complesso si mise a lavorare e pubblicò il primo album, intitolato “Melissa” nel 1983. Il genere della band, nonostante fosse classificabile nell’Heavy metal, presentava atmosfere lugubri e sulfuree, tant’è che i Mercyful Fate diedero un buon contributo alla nascita del black metal e i testi dei loro brani erano, prevalentemente, di matrice satanica.
La voce di King Diamond è uno dei “trademark” del gruppo, una voce acutissima e “indemoniata” alternata a quella bassa e sussurrata, che dà un tocco in più all’oscurità che sprigiona il disco.

Potrebbe Interessarti Anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.